Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 10 DICEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Dirigenza Ssn. Illegittimi i licenziamenti con 40 anni di contribuzione

Nuova puntata della rottamazione, resta infatti pienamente in vigore la legge 183/2010 che prevede la permanenza in servizio dei dirigenti medici fino ai 40 anni di servizio effettivo. Lo rende noto l’Anaao Assomed che annuncia tutela legale per i medici ingiustamente licenziati.

03 APR - Prosegue la partita sulla della rottamazione dei dirigenti medici e sanitari del Ssn. Una questione che sulla base dell’incrocio di disposizioni legislative e circolari lascia il campo a interpretazioni spesso dubbie, e sulla quale con una circolare informativa interviene l'Anaao Assomed spazzando via ogni dubbio: il licenziamento dei soggetti con meno di 65 anni, in presenza di 40 anni di contribuzione è illegittimo.
 
“È un fatto assolutamente certo – ha spiegato Costantino Troise, segretario nazionale dell’Anaao Assomed – che la legge 183/2010 che consente solo alla dirigenza medica e del ruolo sanitario del Ssn di proseguire il rapporto di lavoro, a domanda, fino al 40° anno di servizio effettivo, è tuttora valida e in vigore e non è stata abrogata da nessuna successiva disposizione di legge. Parimenti la stessa legge stabilisce un limite di 70 anni per la permanenza in servizio. Consigliamo comunque a coloro che intendano restare in servizio di comunicare tale volontà alle Aziende prima del compimento del 40° anno di contribuzione e prima dei 65 anni in quanto la legge prevede l’istanza dell’interessato per il maturare del diritto”.

 
La legge 214/2011 (“salva-Italia”), ricorda il sindacato, prevede che “il proseguimento dell’attività lavorativa è incentivato, fermi restando i limiti ordinamentali dei rispettivi settori di appartenenza ..…. fino all’età di settant’anni”. Anche la circolare della Funzione Pubblica n. 2/2012 ha ricordato che rimangono vincolati, per tutti i dipendenti pubblici, i limiti fissati dalla normativa generale e quelli stabiliti per particolari categorie. Come è noto per la dirigenza medica e sanitaria di ruolo del Ssn tale limite ordinamentale è quello previsto dalla legge 183/2010 che pertanto rimane pienamente in vigore.
 
“Del tutto illegittimo è quindi il licenziamento di soggetti con meno di 65 anni, in presenza di 40 anni di contribuzione (compresi i riscatti) – ha concluso Troise –  e contro questi atti l’Associazione provvederà ad opportuna tutela legale”.

03 aprile 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy