Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 15 AGOSTO 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Anche l’Aim chiede il rinvio delle elezioni Enpam


Rinviare a causa della pandemia il termine fissato per il prossimo 17 aprile per la presentazione delle liste per il rinnovo dell'Assemblea nazionale dell'Enpam e completare al Ministero della salute l'iter applicativo della legge Lorenzin, nella parte riguardante la riforma degli Ordini professionali, per non vanificare le poche innovazioni introdotte da quel provvedimento, tra le quali, il principio di “non cristallizzazione delle posizioni di potere”. Queste le richieste dell'Aim.

07 APR - Rinviare lle procedure elettorali per il rinnovo dell’Assemblea Nazionale dell’Enpam, procedendo da subito ad una revisione dello Statuto della Fondazione, e completare al Ministero della salute l'iter applicativo della legge Lorenzin, nella parte riguardante la riforma degli Ordini professionali, per non vanificare le poche innovazioni introdotte da quel provvedimento, tra le quali, il principio di “non cristallizzazione delle posizioni di potere”.
 
Queste le richieste dell'Aim in vista della prossima scadenza, fissata per il 17 aprile 2020, alle ore 12:00, quale termine ultimo per la presentazione delle liste per il rinnovo dell’Assemblea Nazionale dell’Ente previdenziale dei Medici ed Odontoiatri italiani (Fondazione Enoam).
 
"Nel pieno di una pandemia, per la quale si registra un drammatico bilancio di morti, anche tra gli operatori sanitari, e con il rischio di recessione alle porte e una crisi sociale che potrebbe portare a drammatici scenari, i vertici dell’Enpam, dopo aver messo a punto una campagna di supporto economico per i libero professionisti danneggiati dalla pandemia, chiamano al voto i propri iscritti per il rinnovo del mandato quinquennale dell’Assemblea Nazionale. Una scelta che sarebbe stata dettata da un presunto diniego al posticipo delle elezioni, ad opera del Ministero del Lavoro, poiché non conforme alle vigenti norme statutarie e regolamentari, ma che sarebbe stato possibile operare qualora ci fosse stata la reale volontà di modificare le norme interne che disciplinano l’Ente, introducendo la fattispecie della catastrofe sanitaria", spiega l'Associazione. 

 
"Di contro, però, si ricorda come gli organi statutari dell’Ente, non più tardi di 5 anni fa, non hanno avuto tentennamento alcuno nell’introdurre delle 'forzature' statutarie che garantiscono il mantenimento di assetti ed equilibri appannaggio di una oligarchia professionale parasindacale (posta a capo della gestione di circa 21 miliardi di euro di patrimonio). Si fa riferimento, ad esempio, ad una durata del mandato pari a ben 5 anni, nonché alle storture di un sistema elettorale, basato su un modello maggioritario spinto, che favorisce la formazione di cartelli elettorali e la spartizione a tavolino dei seggi e delle cariche, non garantendo la voce delle minoranze o, forse meglio sarebbe dire, della maggioranza silente, ma non organizzata, dei contribuenti".
 
"Non si intende giudicare quanti, in questi e nei prossimi giorni, si prodighino nella raccolta (on-line) delle firme di sostegno alle liste elettorali, ma certamente destano fortissime perplessità sia la posizione della dirigenza uscente della Fondazione, sia il silenzio complice sul tema della Federazione Nazionale degli Omeceo e dei principali sindacati di categoria, questi ultimi maggiori 'azionisti' delle cariche in Enpam. Peraltro, tanto la Fnomceo quanto i sindacati maggioritari si sono guardati bene dal prendere posizione circa i compensi pstellari' percepiti dai componenti del Consiglio di Amministrazione della Fondazione.
 
"Parimenti, non si può fare a meno di rilevare come il Ministero della Salute continui ad essere inadempiente in riferimento alla mancata emanazione tramite decreto di alcune parti della Legge 3 del 2018 (Legge Lorenzin), che ha riformato gli Ordini Professionali Sanitari. Per contro, negli scorsi mesi, sono stati esperiti almeno due tentativi in sede Legislativa (uno di questi, addirittura, in seno ad un dispositivo di legge relativo all’emergenza Covid-19) di introdurre una deroga al limite dei due mandati consecutivi per i vertici degli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, che potrebbe essere eluso laddove il Ministero non provveda per tempo a regolamentare tale fattispecie. È lecito ipotizzare che, non avendo trovato sponda in Parlamento, 'i soliti noti' confidino silla complicità dei vertici del Ministero della Salute, che, questa volta, grazie all’emergenza Covid-19, potrebbero giustificare un 'salvifico' ritardo nell’aggiornamento tempestivo dei predetti regolamenti, tale da vanificare le poche innovazioni introdotte dalla riforma e, tra queste, il principio di 'non cristallizzazione delle posizioni di potere', peraltro recentemente ribadito in tema di Ordini professionali da parte della Corte Costituzionale".
 
"Il riferimento agli Ordini Provinciali dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri non è casuale quando si parla di Enpam, poichè gli Ordini sono strettamente connessi alla governace di questo Ente previdenziale: i Presidenti degli Omceo Provinciali, o loro delegati, compongono la maggioranza dell’Assemblea Enpam chiamata ad eleggere i Consiglieri di Amministrazione ed il Presidente dell’Ente".
 
"In piena emergenza pandemica, da più parti, si riflette sui punti di debolezza della sanità italiana ed emerge la necessità di rivisitare profondamente l’assetto istituzionale ed organizzativo del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Sempre che questa volontà di cambiamento sia reale e non sia annunciata per ragioni di facciata, è lecito porsi alcuni interrogativi: quanto credibili potranno essere considerati, quali interlocutori delle istituzioni, i medesimi rappresentanti della Professione medica che sono stati co-protagonisti delle scelte sbagliate del passato e che pretendono di mantenere posizioni di vertice per altri lustri? E quanto credibili potranno essere considerate le Istituzioni che non hanno il coraggio di applicare le norme approvate dal Parlamento e che scendono a compromessi con le lobbie professionali?", aggiunge l'Aim.
 
Pertanto, al fine di preservare la credibilità della Istituzione ordinistica e dell’Enpam, l'Associazione chiede:
1) che l’Enpam disponga l’immediato rinvio delle procedure elettorali per il rinnovo dell’Assemblea Nazionale dell’Enpam, procedendo da subito ad una revisione dello Statuto della Fondazione, superando le attuali storture e forzature e favorendo i processi partecipativi e democratici;
2) al Ministero della Salute di completare tempestivamente e senza deroghe l’iter applicativo della Legge 3 del 2018 (Legge Lorenzin sulla riforma degli Ordini professionali sanitari).

07 aprile 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy