Quotidiano on line
di informazione sanitaria
20 OTTOBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Enpam. Sindacati medici lanciano raccolta firma per riduzione della contribuzione

Per i sindacati “non è accettabile" che i medici del Ssn, già titolari di un trattamento pensionistico obbligatorio, debbano versare il contributo pieno per la quota A del Fondo di Previdenza Generale. Considerato anche il blocco del contratto e delle convenzioni e il contributo obbligatorio Onaosi.

16 APR - Prende il via oggi la raccolta delle firme dei medici del Servizio Sanitario Nazionale alla petizione per il ripristino immediato della contribuzione ridotta su base volontaria di circa il 50% dell'attuale quota A del Fondo di Previdenza Generale dell'Enpam.

La petizione, promossa dai dieci sigle sindacali dei medici (Aaroi-Emac – Fp Cgil Medici – Fassid (Aipac-Snr-Simet) – Cisl Medici – Fesmed – Anpo-Ascoti-Fials Medici – Uil Fpl Medici - Smi – Cipe – Ugl Medici), è indirizzata ai Presidenti dell'Enpam e della FnomCeo e si svolgerà attraverso la raccolte delle firme dei medici negli ospedali e nei servizi territoriali.

Per i sindacati, infatti, “non è più accettabile che i medici dipendenti e convenzionati del Servizio sanitario nazionale, già titolari di un trattamento pensionistico obbligatorio, siano costretti a continuare a versare un contributo pieno anche per la quota A del Fondo di Previdenza Generale”.

La riduzione della contribuzione è oggi possibile solo per i medici che avevano presentato istanza di ammissione al beneficio entro il 31 dicembre 1989, in quanto forniti di diversa copertura previdenziale obbligatoria.


“Questa distinzione – affermano i sindacati -, anche a fronte del blocco del contratto e delle convenzioni fino al 2014, per i sindacati medici non è più tollerabile. Nel 2012 vedrà costretti tutti i medici ultraquarantenni a pagare un contributo Enpam quota A di 1.304,56 euro a fronte di 706,39 euro per chi può pagare già la quota ridotta. A questo tributo c'è anche da aggiungere 51,50 euro pro capite per tutti i medici per le spese relative all'indennità di maternità, adozione e aborto”.

Peraltro, osservano i sindacati, “le prestazioni pensionistiche del Fondo Generale quota A sono sempre più povere e decurtate per l'erogazione di prestazioni assistenziali per gli iscritti e per i loro superstiti in condizioni economiche disagiate, funzione che si sovrappone alle attività dell'Onaosi, per la quale già i medici dipendenti versano un ulteriore contributo obbligatorio”.

La petizione, pertanto, è finalizzata ad ottenere una deliberazione del Consiglio nazionale Enpam al quale spetta, d'accordo con il Consiglio nazionale della Fnomceo, la decisione sul dimezzamento dei contributi richiesto.

 

16 aprile 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy