Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 LUGLIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Farmaci generici. La Fimmg ai medici: "Usate la 'non sostituibilità'"

"Si può scegliere il branded o il generico, ma equivalente non significa identico”, spiega il segretario Giacomo Milillo. La differenza tra un branded e un generico può arrivare al 20%, ma tra due generici anche al 40%. Pronto un dossier Fimmg sul tema, i cui contenuti sono anticipati in una bozza sintetica.
 

18 APR - Il medico è responsabile, anche sotto il profilo legale, del farmaco che viene assunto dal paziente. Per questo la Fimmg dà indicazione a tutti i medici di famiglia di apporre sulle ricette l’indicazione di "non sostituibilità" in tutti i casi in cui lo ritengono necessario.

Lo ha spiegato oggi il segretario nazionale del sindacato dei medici di medicina generale in un incontro con la stampa: “Equivalente non significa identico – ha dichiarato Giacomo Milillo -, perché  la risposta di un paziente può essere diversa passando dal farmaco originale al generico o da un generico all’altro. Sottolineare questo aspetto non vuol dire mettere in discussione la validità dei generici, ma evidenziare la delicatezza della sostituibilità automatica, non solo tra farmaco ‘originator’ e generico, ma ancor più tra due diversi generici”.
 
Anche perché, come ha sottolineato il farmacologo Francesco Scaglione, bisogna tener conto del “bio creep”: se un generico per essere considerato equivalente rispetto al farmaco originario non deve differire di più del 20%, ma la differenza tra due generici può quindi arrivare ad essere del 40%. Troppo per considerarli davvero interscambiabili in una terapia.


Per fare chiarezza sulla questione Fimmg sta elaborando un dossier sui farmaci generici e sulla loro sostituibilità, che sarà disponibile a breve sul sito internet del sindacato, ma che intanto è stato reso disponibile in una prima bozza sintetica.

“Il problema della ‘bioequivalenza’ – ha detto nel corso della conferenza stampa Roberto Venesia, coordinatore nazionale della Commissione per il farmaco della Fimmg – è uno dei nodi cruciali per la ‘fidelizzazione’ dei medici famiglia al farmaco generico. Nonostante l’impegno dell’Aifa a garantire qualità e sicurezza dei farmaci equivalenti, le soluzioni proposte finora sono sostanzialmente scarse e neanche il meccanismo della “Lista di trasparenza” elimina le criticità più rilevanti insistenti nel mercato italiano”.

“Noi medici di famiglia siamo stati da subito grandi sostenitori dei farmaci generici – ha ricordato Luigi Sparano, segretario provinciale Fimmg di Napoli – che ci permettono di trattare un maggior numero di pazienti contenendo la spesa. Ma bisogna tener presente che se nel 1996, quando si cominciò a parlare di generici, per ogni principio attivo c’erano solo uno o due equivalenti, oggi per i farmaci di maggior diffusione arriviamo ad avere decine e decine di generici a disposizione. Con una variabilità che è difficile per noi verificare”.

“Per questo motivo la Fimmg ha invitato i medici di famiglia a indicare sulla ricetta la dicitura ‘non sostituibile’, sia che si tratti di un  farmaco con brand sia che si tratti di un equivalente generico  – ha concluso Milillo – a meno che non si sia professionalmente certi che il farmaco possa essere sostituito. In questo caso il medico  dovrà inserire la dicitura  ‘sostituibile con equivalente generico’ e si assumerà la responsabilità degli effetti di qualsiasi prodotto venga dispensato come medicinale equivalente generico, con prezzo più basso”.

18 aprile 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy