Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 LUGLIO 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Studenti, specializzandi e giovani medici danno le “spalle” al Parlamento: “4.200 contratti in più non bastano. Serve aumento sostanziale e programmatico delle borse di specializzazione”

di Ester Maragò

L’aumento di 4.200 contratti formativi previsti nel Decreto rilancio per il 2020 è giudicato insufficiente perché non offre una concreta soluzione all'imbuto formativo e alla carenza di Medici Specialisti, lasciando invariato il rapporto borse/candidati rispetto a quanto previsto per il 2019. Serve un incremento dei posti strutturale o più di 10mila specializzandi rischiano di rimanere “camici grigi”. Questa mattina a Roma sit in davanti a Montecitorio, ma rigorosamente dando le spalle al palazzo della Camera, promosso da moltissime associazioni che chiedono una soluzione definitiva per la questione specializzazioni

27 MAG - C’è uno spettro che si aggira tra i giovani camici bianchi: è l’imbuto formativo. Una strettoia che limita l’accesso alla tanta agognata specializzazione, e lascia in stand by un esercito di laureati che puntano ad entrare nel Servizio sanitario pubblico: secondo alcune stime, 11.500 “camici grigi”. E proprio un camice grigio, appeso ad una stampella, è stato oggi a Piazza Montecitorio il testimonial muto della protesta degli studenti in medicina, neolaureati e specializzandi, che chiedono al Governo garanzie precise in merito all'aumento dei posti di specializzazione. Non un “una tantum” per placare gli animi, ma una crescita stabile da qui ai prossimi anni. Per far uscire dalla zona grigia i tanti laureati, ma anche per ridare fiato a un Ssn che, con il raggiungimento della gobba pensionistica, si troverà sempre più svuotato.
 
Un cartello di 11 sigle in rappresentanza delle tante anime dei giovani medici (Aisas Associazione Italiana Specializzandi/Specialisti Area Sanità - Als Fattore 2a Associazione Liberi Specializzandi - Anaao Giovani - Federspecializzandi - Gmas Giovani Medici Anti-Sfruttamento - Giovani Medici per l’Italia - Primavera degli studenti - Siamo Futuro Italia - Vento di cambiamento Fenix - Udu Unione degli universitari - Dipartimento Medico alle quali si sono uniti Fp Cgil e Udu) ha quindi voluto denunciare, oggi, la scarsa attenzione nel Decreto Rilancio alle loro istanze. La promessa di un aumento di 4.200 contratti formativi deve trasformarsi in atti concreti e non solo per il 2020. Perché se anche il piatto si fa più ricco, non riuscirà comunque scacciare il fantasma dell’imbuto formativo.


#DistanziatiMaUniti è stato l’hashtag di oggi. “Stanchi e stufi delle promesse” lo slogan delle 11 Associazioni. Accanto a studenti e giovani medici, tutti rigorosamente con la mascherina e distanziati, molti parlamentari che nei giorni scorsi hanno sostenuto la protesta: da Carlo Calenda leader di Azione a una folta rappresentanza del Pd (Paola Boldrini, Elena Carnevali, Beatrice Lorenzin e Paolo Siani); dai pentastellati Giulia Grillo ex ministro della Salute e Manuel Tuzi, deputato medico, a Davide Faraone e Vito De Filippo di Italia Viva. E poi ancora Paolo Russo, deputato e oculista di Forza Italia e l’azzurra Maria Stella Gelmini, peraltro fortemente contestata dai giovani camici bianchi, insieme al giovane deputato della Lega Luca Toccalini.

Rappresentanti del Parlamento, solo per citarne alcuni, che i giovani camici bianchi hanno ringraziato per la loro “presenza fuori dal Palazzo”, invitandoli a far valere le “nostre ragioni anche dentro il Palazzo”.
 
“È arrivato il momento di attuare un profondo cambiamento – ha spiegato a Quotidiano Sanità, Pierino Di Silverio, responsabile nazionale Anaao Giovani – va modificato il sistema post laurea e il sistema della formazione. Serve un incremento sostanziale e strutturale delle borse di specialità. Bisogna smettere di considerare i medici degli eroi sulla carta ma martiri nella sostanza. Chiediamo, quindi, non un aumento ‘una tantum’ dei posti di specializzazione, una pietra nel grande oceano dell’imbuto formativo che crea soltanto disoccupati di lusso, ma una programmazione da oggi ai prossimi anni. È anche arrivato il momento di cominciare a considerare i medici specializzandi dei veri e propri medici. Bisogna quindi fornire loro tutte le tutele di un contratto, salvaguardando la loro funzione e il loro ruolo nel Ssn. Il Governo non deve dimenticare che far laureare sempre più medici senza investire sul post laurea creerà solo più disoccupati e sempre meno medici specializzati, che magari andranno poi a lavorare all’estero, dove ricevono maggiori garanzie di stabilità".
 
Per i giovani medici la protesta è stata un successo: “L’avevamo detto e l’abbiamo fatto - hanno commentato le associazioni dei camici bianchi - abbiamo portato in piazza Montecitorio il numero massimo di persone consentite dalla Questura. Insieme ai colleghi abbiamo manifestato per difendere il futuro del Servizio Sanitario Nazionale, contro l’inadeguato numero di contratti di formazione specialistica e per chiedere una vera riforma dell’iter formativo previsto dalla legge 368 del 1999. A muoverci oggi sono la rabbia e l’esasperazione nei confronti di un sistema che ci imprigiona nell’imbuto formativo, condizione condivisa da ben 39 rappresentanti delle forze politiche di ogni colore, che sono scesi in piazza per ascoltare dalla nostra voce le ragioni della protesta, chiedendo un filo diretto per sostenerla”.
 
Ma, avvertono, la mobilitazione non termina qui. Come promesso nei giorni scorsi, la tappa di Roma è stata solo l’inizio: “Le mobilitazioni si sposteranno da Montecitorio, dove abbiamo fatto richiesta dell’aumento delle borse statali, ad ogni consiglio regionale per chiedere l’aumento delle borse regionali. Nel frattempo partiranno tavoli di confronto con i rappresentanti dei partiti politici per ragionare sul miglior futuro da garantire ai medici. Non arretreremo di un millimetro finchè le belle promesse cui siamo abituati non diventeranno fatti reali e concreti nel breve termine. Qualora non fosse così, siamo pronti ad inasprire la protesta. Abbiamo diritto ad una formazione, ma che sia di qualità. Per il nostro futuro e per quello della sanità del nostro Paese”.
 
Ester Maragò

27 maggio 2020
© Riproduzione riservata

Approfondimenti:

spacer Evangelista (Anaao Giovani): "Abbiamo il diritto di specializzarci" VIDEO
spacer Di Pietro (Als): "Vogliamo un aumento strutturale delle borse di studio, non un una tantum'" VIDEO
spacer Maccarrone (Gmi): "Vogliamo garantire un futuro alla sanità italiana" VIDEO
spacer Gulluni (Udu): "Si finanzino le borse di studio parificate al numero dei laureati" VIDEO
spacer Ferent (Dip. Medico): "Vogliamo lavorare per questo Paese, il Governo ascolti le nostre proposte" VIDEO
spacer De Filippo (IV): "Servono più investimenti, sosterremo questa opera in Parlamento" VIDEO
spacer Boldrini (Pd): "Sostenere i nostri specializzandi è fondamentale, noi ci siamo" VIDEO
spacer Carnevali (Pd): "Il capitale umano è la dorsale del nostro Ssn, sosteniamoli" VIDEO
spacer Grillo (M5S): "Serve una riforma definitiva del percorso di formazione" VIDEO
spacer Lorenzin (Pd): "Risolvere il problema dell'imbuto formativo è prioritario" VIDEO
spacer Russo (Fi): "Abbiamo bisogno di medici specializzati, il Dl Rilancio è l'occasione giusta per fare chiarezza" VIDEO
spacer Siani (Pd): "Utilizziamo l'emergenza Covid per programmare il numero degli specializzandi" VIDEO
spacer Tuzi (M5S): "Un emendamento per incrementare le borse di studio. Una battaglia di tutti" VIDEO
spacer Fismu: “Contro il cronico imbuto formativo sono troppo pochi 4200 posti aggiuntivi”
spacer Di Silverio (Anaao Giovani): "Il Diritto di lavorare come medici deve essere tutelato" VIDEO
spacer Fnomceo: “Basta imbuto formativo. Bene proposta PD, ora metterla in pratica”
spacer Le proposte del Pd: “Dare risposte a specializzandi. Riflessione senza pregiudizi su utilizzo Mes. Se vantaggioso per Italia”
spacer Gelli (Fiis): “Non basta aumento, serve intervento strutturale”

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy