Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 29 NOVEMBRE 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Cure domiciliari, Anelli (Fnomceo): “No ai giudizi ex cathedra. Grazie ai medici per il loro impegno”


Il presidente della Fnomceo in merito alle recenti polemiche sui social e in Tv com medici che sempre più spesso accusano altri medici di aver prescirtto "terapie tardive o sbagliate": "L'articolo 58 del nostro Codice invita a rapporti solidali tra colleghi, ricordiamocelo tutti".

15 MAR - “Nessuno può ergersi a giudice, elargendo sentenze sommarie sull’operato di un medico o, ancor più grave, di un’intera categoria professionale. Se, poi, a farlo è un medico, questo comportamento va contro i dettami del Codice deontologico. Che, all’articolo 58, raccomanda di improntare i rapporti tra colleghi ai principi di solidarietà e collaborazione e al rispetto reciproco. E impone di evitare, persino in caso di acclarato errore professionale di un collega, comportamenti denigratori e colpevolizzanti”.
 
Così  il Presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, che si dice “amareggiato” dalle diatribe sui social e nei salotti televisivi, che si sono fatte infuocate in questi ultimi giorni e che vedono medici accusare altri medici di aver prescritto terapie tardive o sbagliate, o di aver omesso le cure.
 
“La ratio dell’articolo 58 non è certo quella di stendere un velo di omertà quando si viene a conoscenza di comportamenti errati o dannosi, che vanno anzi e senza indugio denunciati nelle sedi opportune: è proprio questo l’invito che facciamo ai colleghi, ove avessero segnalazioni ben precise e circostanziate da avanzare – continua Anelli -. Il Codice va invece nella direzione opposta, quella della trasparenza e veridicità dell’informazione, raccomandata anche da altri articoli. Il senso è quello di non disorientare il paziente o, in questo caso, l’opinione pubblica, ponendo dubbi che, a loro volta, aprono varchi nell’alleanza terapeutica, nel rapporto di fiducia tra il medico e il paziente, che è parte integrante del processo di cura”.

 
“Nello specifico, le terapie a domicilio sono state e sono portate avanti grazie alla professionalità dei medici del territorio. Medici che, di fronte a una malattia sconosciuta e ancora senza cure specifiche, hanno ragionato in autonomia e indipendenza sui protocolli stabiliti da Aifa e Ministero, protocolli a loro volta basati su evidenze scientifiche e studi clinici in continuo aggiornamento e avanzamento – argomenta -. Protocolli che permettono, ad esempio, in casi definiti e appropriati, l’uso del cortisone o degli antibiotici per evitare sovrainfezioni batteriche”.
 
“Non abbiamo bisogno, in questo contesto, di giudizi ex cathedra, generalizzati e senza cognizione di causa – conclude -. Non ne abbiamo bisogno come medici, e neppure come cittadini. Abbiamo invece bisogno di sapere che non esistono terapie miracolose che vengono tenute nascoste; e che i medici, negli ospedali e sul territorio, stanno operando nella maniera più appropriata e professionale, avendo come faro il bene dei loro pazienti. Mi chiedo a chi o a cosa giovino certe polemiche sterili, se non, forse, a dissimulare e far passare in secondo piano problemi organizzativi e di sistema. Sono le organizzazioni che vanno migliorate, sono le reti assistenziali. I professionisti ci sono e stanno dando il massimo, anche ben oltre il loro dovere”.
 
Art. 58 – Rapporti tra colleghi.
Il medico impronta il rapporto con i colleghi ai principi di solidarietà e collaborazione e al reciproco rispetto delle competenze tecniche, funzionali ed economiche, nonché delle correlate autonomie e responsabilità. Il medico affronta eventuali contrasti con i colleghi nel rispetto reciproco e salvaguarda il migliore interesse della persona assistita, ove coinvolta. Il medico assiste i colleghi prevedendo solo il ristoro delle spese. Il medico, in caso di errore professionale di un collega, evita comportamenti denigratori e colpevolizzanti.

15 marzo 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy