Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 AGOSTO 2019
Lazio
segui quotidianosanita.it

Tor Vergata nel progetto europeo per la creazione di un nuovo microscopio. Sarà potentissimo, integrato in un chip e funzionerà anche con lo smarthphone

Il progetto si concluderà nel 2020 e le potenzialità del nuovo microscopio dìsaranno testate con l'osservazione delle cellule viventi presenti nella fibrosi polmonare idiopatica (IPF), una malattia polmonare cronica correlata all’età che uccide mezzo milione di persone ogni anno in tutto il mondo.

23 MAR - d="cke_pastebin"> L’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” è partner in un nuovo progetto di ricerca europeo dal titolo ChipScope che ha l’obiettivo di sviluppare un microscopio ottico del tutto nuovo ed estremamente piccolo in grado di osservare l'interno delle cellule viventi in tempo reale. Un consorzio di 7 partner provenienti da 5 paesi affronterà questa sfida con obiettivi molto ambiziosi nel corso di un programma di ricerca di quattro anni. In futuro i microscopio miniaturizzato potrebbe essere integrato in prodotti di elettronica di consumo, diventando così comune quanto oggi una macchina fotografica in uno smartphone.

 
Per dimostrare l'utilità di questo nuovo strumento scientifico, alla fine del progetto, il microscopio delle dimensioni di un circuito integrato, sarà utilizzato per osservare in tempo reale l'interno delle cellule presenti nella fibrosi polmonare idiopatica (IPF), una malattia polmonare cronica correlata all’età che uccide mezzo milione di persone ogni anno in tutto il mondo.
 
I nuovi microscopi saranno economici e disponibili dappertutto e ci si aspetta che portino a scoperte fondamentali praticamente in ogni campo della ricerca che oggi fa uso di microscopi ottici, in particolare nel campo medico. Realizzare le immagini microscopiche sarà facile e accessibile per i  ricercatori che operano nel campo lontano da infrastrutture scientifiche e saranno pertanto accessibili per i  ricercatori dei paesi in via di sviluppo. In futuro, questi microscopi integrati in un singolo chip potrebbero anche essere integrati in prodotti di elettronica di consumo, diventando così comuni quanto oggi una macchina fotografica in uno smartphone.
 
Oggi i microscopi ottici  hanno una risoluzione limitata da leggi fisiche relative alla lunghezza d'onda della luce, circa mezzo millesimo di millimetro. Singole proteine, molecole di DNA o l'interno delle cellule viventi sono molto più piccoli e non possono essere direttamente osservati con microscopi ottici convenzionali.
 
Al momento ad esempio, può essere effettuata solo l’ osservazione indiretta - che significa interpretazione dei dati misurati - in microscopi elettronici complessi, costosi ed ingombranti, che, tuttavia, non sono adatti per l'osservazione di tessuti viventi delicati.  L'obiettivo del progetto ChipScope è quello di sviluppare un nuovo tipo di microscopio ottico che permetta di vedere l'infinitamente piccolo.
 
Durante il progetto, LED molto piccoli di 50 nm (1000 volte inferiori al diametro di un capello) saranno sviluppati e utilizzati come sorgenti di luce per il nuovo microscopio che sarà integrato in un chip. La differenza fondamentale con il microscopio ottico convenzionale sarà  l'illuminazione, costituita da piccolissime sorgenti di luce singole, invece che un campo di illuminazione ampio e piccoli rilevatori nella fotocamera. Questo consente una microscopia ottica a super-risoluzione (<50nm), che potrebbe essere utilizzata per studiare strutture estremamente piccole come virus, DNA o cellule viventi, in tempo reale.
 
 
Il progetto ChipScope è iniziato a gennaio 2017 e terminerà a dicembre 2020. Il team del progetto comprende le PMI, le università e gli istituti di ricerca sotto la guida dell’ Università di Barcellona. Gli altri partner sono l'Università Tecnica di Braunschweig, in Germania, l'Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, l'azienda Expert Ymaging a Barcellona, l'Istituto Austriaco di Tecnologia, l'Università di Medicina di Vienna e la FSRM Fondazione Svizzera per la Ricerca in Microtecnica.


23 marzo 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lazio

immagine_1
immagine_2
immagine_3
immagine_4
immagine_5
immagine_6
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Firmato il contratto di medici e dirigenti sanitari. Il testo, le schede e i commenti
tutti gli speciali  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy