Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 LUGLIO 2017
Lazio
segui quotidianosanita.it

Autocertificazione malattia. Fimmg Lazio: “No a medici ‘postini’”

I medici di famiglia laziali accolgono con favore l’annuncio di emendamenti al ddl Romani che prevede la possibilità, per il lavoratore, di autocertificarsi i primi tre giorni di malattia, lasciando però al medico il compito di trasmettere il certificato all’Inps e al datore di lavoro. “Il lavoratore deve essere messo nella condizione di poter gestire in autonomia un momentaneo impedimento al lavoro, mentre l’Inps è in grado già oggi di recepire la segnalazione”.

13 LUG - “Soddisfazione” da parte della Fimmg Lazio sulla volontà annunciata dal senatore Maurizio Romani, estensore del disegno di legge sull’autocertificazione dei primi 3 giorni di malattia, di emendare il testo in modo da evitare che il medico diventi il “postino” delle autocertificazioni richieste dal lavoratore. Il Ddl, infatti, oggi prevede che il lavoratore possa autocertificarsi i primi tre giorni di malattia, avvisando il medico a cui toccherà trasmettere il certificato all’Inps e al datore di lavoro.

Le eventuali modifiche, rappresentano per Maria Corongiu, segretario regionale della Fimmg Lazio, “un passo avanti che allineerà l’Italia ad altri Paesi avanzati: il lavoratore deve essere messo nella condizione di poter gestire in autonomia un momentaneo impedimento al lavoro, con una finestra temporale stretta, mentre l’Inps è in grado già oggi di recepire in più modi la segnalazione e poterne verificare l’autenticità attraverso metodiche statistiche”.

“Ci fa estremamente piacere che abbia prevalso la logica e che le nostre segnalazioni possano servire per snellire le procedure sia per il cittadino che per i medici già tanto oberati dalla burocrazia ormai imperante”.


Per Corongiu, “parallelamente a questo provvedimento che ci auspichiamo approvato in tempi brevi”, sarebbe “opportuno, per ben continuare il cammino intrapreso, individuare anche misure incentivanti il buon comportamento dei lavoratori, come alcuni Stati già fanno. Insomma premiare i comportamenti seri e corretti e perseguire invece chi in modo fraudolento per proprio interesse inganna oltre l’intera collettività anche il proprio medico”.

13 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Ddl N. 2059

Altri articoli in QS Lazio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy