Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 11 DICEMBRE 2019
Lazio
segui quotidianosanita.it

Migranti. Zingaretti annuncia 1,2 mln per gli Sprar. Fials Lazio: “Basta propaganda con i soldi tolti alla sanità”

“Non spetta alla Regione legiferare e pagare per l’accoglienza agli immigrati bensì allo Stato centrale”, afferma il sindacato che chiede che le risorse siano utilizzate per l’abbattimento delle liste d’attesa, l’implementazione della diagnostica e la modernizzazione del parco auto del 118. “Non vogliamo un nuovo modello di appalti per l’accoglienza con personale esternalizzato e precario”.

24 GEN - “Ci siamo sempre dichiarati a favore dei progetti umanitari, della beneficienza e della gratuità di servizi ai bisognosi altrettanto però riteniamo che sia impopolare fare propaganda con i soldi dei cittadini che, peraltro, devono ricorrere loro stessi a pagarsi cure e assistenza, e mettere a bilancio 1 milione e mezzo di euro spendendone subito 1,2 milioni per organizzare un bando di gara e tenere aperti i centri di accoglienza per richiedenti asilo. Non spetta alla Regione legiferare e pagare per l’accoglienza agli immigrati bensì allo Stato centrale”. E’ quanto riporta la nota Fials in risposta alla dichiarazione del governatore del Lazio Nicola Zingaretti di voler elargire 1 milione da 200 mila euro per salvare gli Sprar (i centri di accoglienza per i richiedenti asilo).

“Sappiamo bene che questi servizi sono gestiti da cooperative, Onlus ed enti sociali, e sappiamo bene che il presidente con questa operazione tenderà a mettere in piedi un nuovo modello di appalti per l’accoglienza, quelli regionali, con personale esternalizzato e precario. Conosce bene Zingaretti il sistema perché lo ha già sperimentato in sanità con direttori generali a capo di Asl e ospedali”, prosegue il sindacato.


Per la Fials Lazio, “esattamente come avviene con la sanità negli ultimi anni anche questa operazione avrà una ricaduta negativa sull’erario: la Regione Lazio, ancora in piano di rientro contando che alcun decreto di scioglimento è stato firmato da Mef e Salute, non si può accollare nuove spese – prosegue la nota -. Inoltre, la conseguenza di questo tipo di amministrazione esternalizzata è sotto gli occhi di tutti: i controlli spesso riportano alle cronache un abbandono e una superficialità gestionale evidente che inducono le stesse autorità giudiziarie a bocciare appalti e affidamenti”.

“Vorremmo capire dal presidente del Lazio se sta lavorando per i propri cittadini o esclusivamente per le primarie del suo partito ove ha deciso di concorrere per ottenerne la guida. A questo punto sarebbe saggio, visto che la data del congresso Pd del 3 marzo è vicina, annunciare le prossime dimissioni e affidare lo scettro del governo regionale al proprio vice fino a traghettare la Regione alle prossime elezioni. Intanto – conclude la nota Fials – confidiamo nel ritiro dell’operazione propagandistica sui migranti e la ripartizione dei fondi per l’abbattimento delle liste d’attesa, l’implementazione della diagnostica e la modernizzazione del parco auto del 118. Alcune priorità, a nostro avviso improrogabili”.

24 gennaio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lazio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy