Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 21 MAGGIO 2019
Lazio
segui quotidianosanita.it

Lazio. Pubblicati elenchi idonei a Direttori generali di Asl, Ao e Ares

Tutti i nominativi dei candidati idonei ai fini della nomina a DG nella Asl Rm4, Asl Rm5 e Asl Frosinone, per l’Ao San Giovanni Addolorata e per l’Ao Sant’Andrea, e per l’Ares 118. Sono 17 i nomi in lista per le Asl e 17 anche per l’Ao, 5 per l’Ares. Nella rosa anche Emilio Duca, dg dell’Ao di Perugia coinvolto nel recente scandalo della sanità umbra e per questo “sospeso con riserva” dall’elenco dei potenziali Dg del Lazio, la ex Dg Salute della Toscana, Monica Calamai, e l’attuale sub commissario ad acta della Calabria, Thomas Schael. L’ELENCO

24 APR - La Regione Lazio ha pubblicato i nomi degli idonei all’incarico di direttori generali per le Asl Roma 4, Asl Roma 5 e Asl Frosinone, per l’Ao San Giovanni Addolorata e per l’Ao Sant’Andrea, nonché per l’Ares 118 (vedi a fondo pagina)

La rosa è stata selezionata dalla commissione istituita con decreto del Presidente T00023/2019 e composta da Giampaolo Grippa, designato da A.ge.na.s.; Francesco Longo, professore associato Dipartimento Analisi delle Politiche e Management Pubblico, Università Bocconi; Alessandro Bacci, Direttore della Direzione regionale Affari Istituzionali, Personale e Sistemi Informativi della Regione Lazio.

Sono 17 i nomi in lista per le Asl, di questi 12 concorrono anche per la direzione dall’Ao San Giovanni Addolorata e Sant’Andrea. In totale anche i candidati per le due Ao sono 17.

Cinque, invece, i candidati per la direzione dell’Ares 118: Massimo Annicchiarico, Renato Pizzuti, Giorgio Santonocito, Francesco Zavattaro (tutti in lista anche per le Asl e le Ao) e Maria Paola Corradi.

Tra i candidati Dg delle due Ao compare anche Emilio Duca, dg dell’Ao di Perugia coinvolto nel recente scandalo della sanità umbra e per questo “sospeso con riserva” dall’elenco dei potenziali Dg del Lazio.

Poi Monica Calamai, recentemente rimossa dal suo incarico di direzione regionale “Diritti di cittadinanza e coesione sociale” della Toscana su decisione del presidente della Regione, Enrico Rossi a seguito, aveva spiegato il governatore, delle “notizie e voci relative alla volontà della dottoressa Calamai di cessare il proprio rapporto di lavoro con la Regione Toscana per accettare nuovi incarichi in altri enti fuori dalla regione”.

Tra i nomi anche l’attuale sub commissaio ad acta della Calabria, Thomas Schael.

Nella lista dei candidati Dg della Asl anche Pietro Grasso, il cui incarico è stato tuttavia giudicato inconferibile dalla commissione. La motivazione, secondo quanto riferito da fonti regionali, sta nel fatto Grasso è attualmente direttore sanitario del Presidio Columbus afferente alla Fondazione Irccs Gemelli, struttura privata accreditata con la Regione Lazio. Il comma 1 dell’art 5, capo 3, del Dlgs 8 aprile 2013 prevede infatti che “gli incarichi di direttore generale, direttore sanitario e direttore amministrativo nelle aziende sanitarie locali non possono essere conferiti a coloro che, nei due anni precedenti, abbiano svolto incarichi e ricoperto cariche in enti di diritto privato regolati o finanziati dal servizio sanitario regionale”.
 


24 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lazio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy