Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 AGOSTO 2019
Lazio
segui quotidianosanita.it

Lazio. Pubblicati elenchi idonei a Direttori generali di Asl, Ao e Ares

Tutti i nominativi dei candidati idonei ai fini della nomina a DG nella Asl Rm4, Asl Rm5 e Asl Frosinone, per l’Ao San Giovanni Addolorata e per l’Ao Sant’Andrea, e per l’Ares 118. Sono 17 i nomi in lista per le Asl e 17 anche per l’Ao, 5 per l’Ares. Nella rosa anche Emilio Duca, dg dell’Ao di Perugia coinvolto nel recente scandalo della sanità umbra e per questo “sospeso con riserva” dall’elenco dei potenziali Dg del Lazio, la ex Dg Salute della Toscana, Monica Calamai, e l’attuale sub commissario ad acta della Calabria, Thomas Schael. L’ELENCO

24 APR - La Regione Lazio ha pubblicato i nomi degli idonei all’incarico di direttori generali per le Asl Roma 4, Asl Roma 5 e Asl Frosinone, per l’Ao San Giovanni Addolorata e per l’Ao Sant’Andrea, nonché per l’Ares 118 (vedi a fondo pagina)

La rosa è stata selezionata dalla commissione istituita con decreto del Presidente T00023/2019 e composta da Giampaolo Grippa, designato da A.ge.na.s.; Francesco Longo, professore associato Dipartimento Analisi delle Politiche e Management Pubblico, Università Bocconi; Alessandro Bacci, Direttore della Direzione regionale Affari Istituzionali, Personale e Sistemi Informativi della Regione Lazio.

Sono 17 i nomi in lista per le Asl, di questi 12 concorrono anche per la direzione dall’Ao San Giovanni Addolorata e Sant’Andrea. In totale anche i candidati per le due Ao sono 17.

Cinque, invece, i candidati per la direzione dell’Ares 118: Massimo Annicchiarico, Renato Pizzuti, Giorgio Santonocito, Francesco Zavattaro (tutti in lista anche per le Asl e le Ao) e Maria Paola Corradi.

Tra i candidati Dg delle due Ao compare anche Emilio Duca, dg dell’Ao di Perugia coinvolto nel recente scandalo della sanità umbra e per questo “sospeso con riserva” dall’elenco dei potenziali Dg del Lazio.

Poi Monica Calamai, recentemente rimossa dal suo incarico di direzione regionale “Diritti di cittadinanza e coesione sociale” della Toscana su decisione del presidente della Regione, Enrico Rossi a seguito, aveva spiegato il governatore, delle “notizie e voci relative alla volontà della dottoressa Calamai di cessare il proprio rapporto di lavoro con la Regione Toscana per accettare nuovi incarichi in altri enti fuori dalla regione”.

Tra i nomi anche l’attuale sub commissaio ad acta della Calabria, Thomas Schael.

Nella lista dei candidati Dg della Asl anche Pietro Grasso, il cui incarico è stato tuttavia giudicato inconferibile dalla commissione. La motivazione, secondo quanto riferito da fonti regionali, sta nel fatto Grasso è attualmente direttore sanitario del Presidio Columbus afferente alla Fondazione Irccs Gemelli, struttura privata accreditata con la Regione Lazio. Il comma 1 dell’art 5, capo 3, del Dlgs 8 aprile 2013 prevede infatti che “gli incarichi di direttore generale, direttore sanitario e direttore amministrativo nelle aziende sanitarie locali non possono essere conferiti a coloro che, nei due anni precedenti, abbiano svolto incarichi e ricoperto cariche in enti di diritto privato regolati o finanziati dal servizio sanitario regionale”.
 


24 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lazio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy