Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 20 GENNNAIO 2020
Lazio
segui quotidianosanita.it

Il ministro Speranza visita il Pertini di Roma: “Un ospedale importante che sta crescendo”

Prima visita del ministro a un ospedale. “Ho voluto iniziare questo giro da un grande ospedale pubblico in un quartiere popolare perché penso che qui ci sia ancora più bisogno dello Stato”, ha detto Speranza. Ad accompagnarlo l'assessore alla sanità Alessio D’Amato, che a illustrato i numero di una “giornata tipo” del Pertini: “590 visite ambulatoriali, 200 prelievi, 35 interventi chirurgici, 23 ricoveri in day hospital, 300 ricoveri ordinari, 180 pazienti che hanno avuto accesso al Pronto soccorso con cartella clinica chiusa nelle 24 ore”.

27 NOV - “Dobbiamo difendere il nostro servizio sanitario nazionale. Ho voluto iniziare questo giro da un grande ospedale pubblico in un quartiere popolare perché penso che qui ci sia ancora più bisogno dello Stato”. Sono le parole del ministro della salute, Roberto Speranza, riportate dall’Agi in occasione della prima visita del ministro a un ospedale, nel caso specifico al Pertini di Roma, dopo i lavori di ammodernamento che hanno interessato alcuni reparti. Il ministro è stato accompagnato dall'assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, presenta anche il direttore generale della Asl Roma 2, Flori Degrassi.

“I nostri padri costituenti ci hanno lasciato un messaggio molto forte - ha proseguito Speranza - non conta quanti soldi hai, da dove vieni, o di chi sei figlio, se stai male è un diritto universale essere curato. Io penso che dobbiamo farci carico di questa sfida con le nostre strutture, investendo di più sul servizio sanitario nazionale, mettendoci piu risorse proprio come abbiamo fatto in questa legge di bilancio in cui ci sono 2 mld in più sul fondo sanitario nazionale, 2 mld in più sull'edilizia sanitaria e l'abolizione del super ticket”.


Per il ministro, il Pertini è “ un ospedale importante che sta crescendo, che prova ad investire sull'innovazione e sulle nuove tecnologie e che prova ad essere all'altezza della missione che il sistema sanitario nazionale affida ai nostri presidi ospedalieri”.

A conclusione della visita, l’assessore Alessio D’Amato ha voluto illustrare, in una nota, i numeri di una “giornata tipo” al Pertini.
 “L’Ospedale Sandro Pertini si trova in un quadrante molto popoloso e periferico della Capitale. In una giornata tipo del nosocomio visitato questa mattina dal Ministro della Salute, Roberto Speranza possiamo registrare 590 visite ambulatoriali, 200 prelievi, 35 interventi chirurgici, 23 ricoveri in day hospital, 300 ricoveri ordinari, 180 pazienti che hanno avuto accesso al Pronto soccorso con cartella clinica chiusa nelle 24 ore. Questi sono solo alcuni numeri indicativi che ci aiutano a capire una giornata tipo come quella di oggi presso un ospedale come il Pertini di Roma che è inoltre un punto di riferimento per le malattie oncologiche, sia per l’attività della breast unit, che per il punto di onco-fertilità che ha ridato serenità a tante neo mamme che hanno vissuto anche l’esperienza della malattia oncologica. Un ospedale, il Sandro Pertini, in cui operano medici e professionisti straordinari”, ha concluso D’Amato.
 

27 novembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lazio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy