Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 30 NOVEMBRE 2020
Lazio
segui quotidianosanita.it

Covid. Attivare le Usped per i bambini sulla scorta delle Uscar. La proposta del M5S nel Lazio

Presentata in Consiglio regionale una mozione a prima firma di Loreto Marcelli. Usped sta per Unità Speciali di Pediatria Distrettuale. L'obiettivo è prevedere forme intermedie di assistenza ai più giovani, anche per “alleviare le strutture ospedaliere, già in affanno”. Si tratta, per Marcelli, di “una misura fondamentale, richiesta da diverse associazioni di categoria”. Per l'esponente del M5S un modello “ancora più urgente” dopo la sentenza del TAR che stabilisce che l'assistenza domiciliare ai pazienti Covid sia competenza delle Uscar. LA MOZIONE

18 NOV - “Avviare, sulla scorta di quanto stanno già facendo altre Regioni, la procedura di manifestazione di interesse e acquisizione di disponibilità da parte dei pediatri, o altri specialisti in pediatria, ed infermieri, al fine di costituire le Unità Speciali di Pediatria Distrettuale (USPED) che possano alleviare le strutture ospedaliere, già in affanno, dai ricoveri dei minori alleviando questi ultimi dalle delicate implicazioni psicologiche connesse alla degenza”. Questo, in sintesi, il contenuto di una mozione del Gruppo consigliare M5S in Regione Lazio, a prima firma del consigliere regionale 5stelle, Loreto Marcelli, vicepresidente in Commissione Sanità, rivolta alla Giunta Zingaretti.

“Si tratta - spiega Marcelli in una nota - di una misura fondamentale, richiesta da diverse associazioni di categoria, che aggiunge un nuovo tassello a quella sanità territoriale e di prossimità, che attribuisce un valore centrale all’assistenza domiciliare, ove possibile”.

Nella mozione si legge, infatti, che la proposta tiene conto “della richiesta esplicitamente presentata dai rappresentati di categoria dei pediatri di libera scelta del Lazio, nella prospettiva invernale, di potere prevedere forme intermedie di assistenza riferibili a delle unità speciali di pediatria, assimilabili alle Uscar di medicina generale già attive sul territorio, che consentano di poter praticare le cure necessarie a domicilio al fine di scongiurare l’invio dei bambini in ospedale”.


“Prima con le Unità Speciali di Continuità Assistenziale Regionale (Uscar), poi con la ricetta dematerializzata, adottata successivamente anche a livello nazionale con un provvedimento della Protezione Civile, passando al certificato di malattia pediatrico dematerializzato e al medico scolastico e ora con la proposta delle Unità Speciali di Pediatria Distrettuale (USPED): è questa la nuova sanità pubblica che come M5S stiamo delineando in Regione Lazio a partire dall’emergenza sanitaria Covid e che sarà fondamentale anche per tutto il periodo post covid”.

Per Marcelli, “la necessità di rafforzare e introdurre, laddove assenti, strumenti come le Uscar e le Usped è resa ancora più urgente dalla recente sentenza del TAR secondo cui i medici di famiglia non possono fare assistenza domiciliare ai pazienti Covid. Dobbiamo cercare di creare una rete sul territorio che faccia da paracadute e allo stesso tempo prevenga sovraffollamento delle strutturre ed eccessivi tempi di attesa per i pazienti”.

18 novembre 2020
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer La mozione

Altri articoli in QS Lazio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy