Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 AGOSTO 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Riforma cure primarie. Il “libro dei sogni” è legge

di Ornella Mancin

24 GIU -

Gentile Direttore,
la riforma della medicina territoriale è legge. Ieri infatti è stato pubblicato in gazzetta ufficiale l’ormai tristemente famoso DM 71, (in realtà DM 77) nel suo impianto originale, senza variazioni di merito rilevanti almeno a una prima lettura.

Nonostante il tentativo di qualcuno (pochi per la verità) di evidenziarne le problematiche (molte), nel silenzio  di quanti avrebbero dovuto e potuto intervenire e in modo del tutto “ineluttabile” si è concluso l’iter di riforma che detterà l’impianto dell’assistenza territoriale nei prossimi anni.

Non è dato di sapere come verranno declinate le varie voci previste  e mentre si può immaginare che basterà avere disponibilità di soldi per costruire le case di comunità e  comprare  le strumentazioni previste (ecografi, elettrocardiografi, spirometri e quant’altro)  molto difficile è capire con che personale  si “riempiranno “ tali case.

La carenza di personale, medici in primis, sta mettendo in ginocchio il nostro SSN già ora: mancano un numero innumerevoli di medici di famiglia per pensionamenti e abbandoni (solo in Veneto più di 500), gli specialisti abbandono in massa gli ospedali e si porta avanti un progetto che sembra ignorare la realtà: medici disponibili 12 ore al giorno 7 giorni su 7, specialisti che lavorano nelle case di comunità (quando già ora non riescono a garantire le visite negli ospedali), infermieri disponibili 7 giorni su 7, assistenti sociali, psicologi per una serie di obiettivi di tutto rispetto.

E ancora: prevenzione e tutela della salute, presa in carico della cronicità e fragilità, garanzia della continuità dell’assistenza anche attraverso il coordinamento con i servizi sanitari territoriali, attivazione di percorsi multidisciplinari, coinvolgimento delle comunità locali e dei cittadini.

Il tutto mantenendo alto lo standard dell’assistenza che deve essere  “declinata nelle sue varie dimensioni (es. appropriatezza, sicurezza, coordinamento/continuità, efficienza, tempestività)”.

Senza contare la prevista incentivazione dell’assistenza domiciliare  perché “la casa viene individuata come  primo luogo di cura, quale setting privilegiato dell’assistenza territoriale”.

Non so se solo a me sembra un bel libro dei sogni. Oggi fatichiamo a fare eseguire esami con priorità, le nostre richieste “galleggiano” in liste che non si sa bene quando verranno prese in esame e la gente finisce per rivolgersi sempre più al privato; trovare un posto in un ospedale di comunità è una chimera e l’assistenza domiciliare arranca con difficoltà per mancanza di forze … ; chissà perché ho il dubbio che questa riforma non risolverà tutto questo e che  finirà per restare nella carta come spesso è accaduto in passato.

Forse è proprio per questo che i sindacati non se ne sono preoccupati più di tanto  … confidano nell’italica “tutto cambia perché nulla cambi”.

Del resto in questi giorni il dr. Belleri  in un suo intervento  (Qs 22 giugno), con una sintesi succinta  in 5 punti, ci ha illuminato  su come  il destino del medico di famiglia era ed è ineluttabile e la sua fine ampiamente prevedibile visti i cambiamenti socio culturali (aumento delle specializzazioni,  sviluppo tecno-scientifico,  diffusione del web…) verso cui evidentemente nulla si poteva.

Nessuna responsabilità quindi da parte di chi ha governato e governa la professione, nessuna colpa da attribuire ai sindacati… che si può fare contro il destino che si è accanito contro la nostra professione?  Siamo vittime designate di un mondo cattivo che ci vuole vedere scomparire.

Difficile crederci per davvero, vorrebbe dire riconoscere che i nostri sindacati non hanno mai contatto nulla e noi abbiamo mantenuto un apparato solo per il gusto di farlo.

Ornella Mancin

Medico di medicina generale

 



24 giugno 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy