Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 FEBBRAIO 2023
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

World Aids Day: rompiamo il silenzio


02 DIC -

Gentile Direttore,
c’è ancora troppo silenzio intorno all’HIV, un silenzio colpevole e carico di responsabilità, soprattutto nel settore sanitario che oggi, in occasione del World Aids Day di ieri, vogliamo provare a interrompere:

1 - Con i progressi fatti dalla scienza una persona con HIV può avere una qualità di vita e un’aspettativa di vita sovrapponibile a quella della popolazione generale.

2 - È scientificamente dimostrato che la terapia combinata riduce drasticamente il livello di viremia nel sangue e nei fluidi rendendo di fatto impossibile la trasmissione del virus per via sessuale e permettendo alle persone affette da HIV e ai loro partner di vivere con serenità la propria vita sessuale e affettiva

3 - La PreP (Profilassi pre esposizione) è un farmaco che può essere assunto prima e dopo un rapporto sessuale e che dà la possibilità di proteggersi efficacemente dalla trasmissione dell’HIV

4 - La sieropositività non significa avere l’AIDS

Come ogni anno in prossimità di questa data è disponibile il report dell’Istituto Superiore di Sanità sulle nuove infezioni da HIV relativo all’anno 2021. Riassumendo:

1- Appare un trend in leggero aumento delle nuove diagnosi (1770 a fronte delle 1393 del 2020) con probabile sottostima e/o sottonotifica come effetto dell’epidemia da COVID-19

2 - Il 63,9% delle nuove diagnosi sono persone later presenter

3 - Il 39,8% ha eseguito il test per sintomi HIV-correlati o sospetta patologia HIV-correlata

Per quanto riguarda la realtà italiana si riconosce:
1 - Un divario sempre più marcato tra piccoli e grandi centri, tra grandi città e province

2 - La presenza di presidi non sempre gratuiti, anonimi e ad accesso diretto

3 - L'assenza di counseling pre e post-test

4 - L'assenza sul territorio di posti facilmente accessibili e correttamente formati sul counseling sessuale, che non stigmatizzino chi non vive una sessualità normata e finalizzata alla procreazione.

Riteniamo impellente la necessità di:
1 - Un’educazione sessuale consapevole e sierocoinvolta nelle scuole, nelle università e, in primis, nelle strutture sanitarie

2 - Una comunicazione che non sia stigmatizzante e sierofobica

3- Spezzare quella narrazione che vuole ancora relegare l’HIV solo ad alcune categorie di persone (chi utilizza droghe per via iniettiva, chi fa sex worker e persone LGBTQIAP+) andando a colpire e stigmatizzare le persone con HIV negli spazi di lavoro, negli ambienti sanitari e nella loro vita affettiva e sessuale

Come professioniste e professionisti della salute vogliamo dare a queste notizie la risonanza che meriterebbero. Vogliamo contribuire, con la nostra pratica nei luoghi di cura, a rovesciare lo stigma e spezzare la narrazione sierofobica e stigmatizzante che colpisce le persone affette da HIV.

Crediamo in una prevenzione combinata che unisca interventi biomedici (test per l’HIV e le altre MST, terapia combinata per l’HIV, condom per peni e vagine, Prep, PEP, siringhe sterile e monouso per chi fa uso di sostenza iniettive) interventi strutturali (destigmatizzazione delle persone con HIV, decriminalizzazione del sex work e della migrazione, lotta alla violenza di genere e accesso diffuso e gratuito agli strumenti biomedici di prevenzione) e interventi che promuovano la cura della salute sessuale (counselling sessuale, educazione sessuale, campagne di comunicazione...).

Come professioniste e professionisti sierocoinvolti giocheremo la nostra parte in questa lotta.

Il Coordinamento di Chi si Cura di te?



02 dicembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy