Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 09 FEBBRAIO 2023
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Osteopati, ancora una proroga per il riconoscimento. A rischio la salute delle persone

di Federico Claudio Franscini

25 GEN -

Gentile Direttore,
l’ennesima proroga nell’iter per il riconoscimento degli osteopati prevista dal decreto Milleproroghe, ha indotto l’Assemblea ordinaria dei soci ADOE (Associazione Degli Osteopati Esclusivi) ad approvare l’11 gennaio scorso un Ordine del Giorno per segnalare ancora la condizione di rischio per la salute delle persone dovuta a perdurante precarietà professionale.

In particolare ci si è chiesti come sia possibile che di fronte all’emergenza dovuta a crescente quantità di professionisti sedicenti e incontrollati, possano ancora sussistere “criticità” irrisolte a cui il Tavolo tecnico interministeriale faccia riferimento dopo quasi cinque anni di ritardo nell’attuazione dell’art. 7, L. 3/2018.

Come presumibile, queste criticità non riguardano solo le citate qualifiche dei docenti idonei per l’insegnamento universitario della materia caratterizzante. Viceversa, soprattutto il precario livello delle competenze professionali da accertarsi per i nuovi professionisti della salute potrebbe essere la causa del ritardo pluriennale. Ovvero, il tema sensibile dei corsi abilitanti da prevedersi ai sensi della legge istitutiva della nuova professione sanitaria.

Per la stessa ragione, con spirito di servizio e in termini di assoluta trasparenza, la stessa Associazione di osteopati ha inteso ribadire la presenza nazionale di osteopati il cui livello di legalità pedagogica abbia carattere magistrale, europeo e, in molti casi, già abilitante per l’esercizio. Per la stessa ragione, gli associati ADOE non meritano affatto la continua discriminazione ai loro danni, potendo attestare una formazione autorizzata in Italia dalle Autorità competenti per verificata compatibilità europea ai sensi della legge. Ne consegue, inoltre, che gli stessi possano rappresentare riferimento e contributo esemplare per l’individuazione dei criteri pedagogici e abilitanti grazie al livello qualitativo e interdisciplinare delle loro prestazioni assistenziali. Essi, infatti, hanno completato un piano di Studi conforme alla rilevanza professionale della stessa professione come riconosciuta legalmente ed esercitata negli altri Paesi dell’Unione Europea.

In termini ancora più espliciti, l’iniziativa ADOE intende scongiurare il rischio di limitazioni inaccettabili delle competenze dei futuri osteopati italiani, penalizzanti a lungo termine l’efficacia e la dignità professionale, qualora si intenda semplificare il processo formativo universitario a miope vantaggio della precaria abilitazione di numerosi operatori sedicenti che non sono in possesso di attestazioni pedagogiche formali e dichiarazioni fiscali attestanti i tempi dell’esercizio esclusivo della medesima attività. Inaccettabilmente, si premierebbe in questo modo l’opportunismo e il demerito di chi ha approfittato del vuoto legislativo per “salire sul carro” dell’osteopatia, erogando una formazione o esercitando un’attività in termini del tutto autoreferenziali, cioè illeciti e contestabili.

Federico Claudio Franscini

Segretario/Tesoriere, per l’Assemblea degli Osteopati ADOE



25 gennaio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy