Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 14 LUGLIO 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

La formazione dei medici e le colpe delle lobby universitarie

12 GEN - Gentile direttore,
vorrei rispondere alla Professoressa Carolina Ciacci nel suo intervento dello scorso 30 dicembre dal titolo “Formazione post laurea. Siamo sicuri che "in ospedale" sia meglio che all'Università?” Cercherò di prenderla alla larga, sapendo per altro di scatenare un vespaio, ma andiamo con ordine. Un tempo nemmeno troppo lontano si poteva accedere alla carriera ospedaliera svolgendo un tirocinio pratico ospedaliero, retribuito, nella specialità prescelta e una volta superato si apriva la possibilità di partecipare ai concorsi per assistente ospedaliero in quella disciplina. Ma...c'è sempre un ma...
 
Così facendo l'università non poteva più controllare questi percorsi e sopratutto perdeva manodopera specializzata a costo zero per l'attività didattica e di ricerca.
Si attiva quindi la lobby dei professori universitari, che ha spinto perché si introducesse, per accedere concorsi pubblici, l'obbligo del conseguimento del titolo di specialista; il contentino fu l'introduzione della borsa di studio.

 
In sintesi il sistema ti paga e tu lavori per 5 anni, adesso 4, per l'istituto universitario e per il dominus di turno e dopo, solo dopo, intorno ai 31/32 anni suonati potrai finalmente, fare un concorso.
Abbiamo solo spostato il problema da un ambito all'altro, ma abbiamo conservato il primato dell'università.
Dovrebbe essere finalmente giunto il momento in cui i medici ospedalieri vengano sdoganati, in termini di didattica, a proposito a leggere le righe della professoressa Ciacci sembrerebbe quasi che tutti gli ospedalieri abbiano conseguito laurea e specializzazioni su Marte, dove ovviamente vivono universitari marziani che insegnano solo ai futuri medici ospedalieri terrestri.
Personalmente devo dire di aver conosciuto decine di medici ospedalieri che hanno svolto con assoluta competenza l'attività clinica e di didattica formando generazioni di valenti professionisti, che oggi popolano ospedali, studi professionali e qualcuno anche gli atenei, anzi talvolta l'università coopta questi medici per riempire vuoti che si creano nelle compagini delle facoltà, avrei molti, molti esempi, ma mi astengo.
 
Credo che sia anacronistico continuare a far fare formazione alla classe medica per un periodo di tempo così lungo, per giungere poi all'agognato posto di lavoro, " nel mezzo del cammin di nostra vita", teniamo pure conto che si vive più a lungo ma è pur sempre anacronistico.
Per quanto invece riguarda l'inquadramento in una posizione non dirigenziale, sono in totale disaccordo, rischiamo di avere medici di serie A e di serie B, vedo una unica strada, un patto tra università e ospedale per un percorso formativo che metta a fattor comune conoscenze e competenze, presenti in tutte e due i comparti per formare i professionisti di domani.
 
Maurizio Dore
Direttore generale Asl TO5 e Presidente Federsanità Anci Piemonte

12 gennaio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy