Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 GIUGNO 2018
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Il comma 566 e la difesa del “fortino”

10 FEB - Gentile direttore,
ci risiamo. Leggo la lettera aperta sul comma 566 dei sindacati medici (non tutti), e mi viene spontaneo cercar di ricordare ai sostenitori di queste resistenze che la sanità italiana può migliorare solo cambiando alcune storiche abitudini, che la rendono oggi legatissima. Il comma 566 non sottrae competenze ai medici: perchè questo timore? Peraltro, quel passaggio della Legge di stabilità non è stato accolto con giubilante esultanza dalla professioni sanitarie, segno che già di per sè ha connotati che - forse - non dovrebbero totalmente dispiacere ai signori medici.

Direttore, lei sa bene che se un cittadino subisce un trauma ad una mano, o ha un corpo estraneo in un occhio, e si presenta ad un pronto soccorso 'normale', deve attendere di essere sempre visto da un medico, il quale - ovviamente quando può, fra un infarto e un ictus - lo invia allo specialista di competenza: il tempo di attesa per questo primo passaggio si esprime in ore, contribuendo a intasare sempre più le strutture di prima accoglienza ospedaliera italiane (fenomeno dell'overcrowding). Questo non si verifica ovunque, ma avviene nella gran parte dei pronto soccorsi italiani, perchè un radiologo o un oculista deve avere sempre una richiesta precisa, firmata da un suo pari...prima di tutto, un pò di burocrazia! Non si sa mai!

 
Dove invece si è cercato - rispondendo al profilo professionale che parla di valutazione del bisogno, senza confondere i rispettivi ruoli - di attribuire all'infermiere la funzione di inoltro diretto, ed anche qualcosa in più (gestione di casi semplici,regolarmente previsti da protocolli aziendali, con percorsi formativi in essere), come è avvenuto in Toscana ed in Emilia Romagna (organizzazione a modello 'see and treat') i medici hanno fatto ricorso, e hanno chiamato i Nas! (vedi Bologna). Complimenti!
 
Continuiamo così, facciamoci del male (cit. Nanni Moretti).
 
Francesco Falli
Presidente Collegio IPASVI, La Spezia

10 febbraio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy