Quotidiano on line
di informazione sanitaria
20 OTTOBRE 2019
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Maltrattamenti agli anziani. Non è solo colpa degli operatori

15 LUG - Gentile Direttore,
le scrivo per il caso della residenza sanitaria assistita (RSA) di Narnali. Le immagini del video fanno davvero molto male. Fa molto male anche osservare lo stupore   di coloro che avrebbero dovuto controllare con gli strumenti tipici dell’organizzazione e non lo hanno fatto. In particolare, mi chiedo su  che cosa dovrebbero vigilare  le commissioni di vigilanza.
 
Immagino siano controlli su tutto ciò che è inanimato e su ciò che non è organizzazione  in un sistema di cura; la stessa domanda mi viene di farla a ciascun livello di responsabilità nella linea gerarchica organizzativa di quella struttura;  certamente, nessuno di  essi  ha controllato  i modi di essere degli operatori e del sistema nei confronti degli anziani; oppure chi avrebbe dovuto  controllare  ha riconosciuto, in quei modi di essere, degli operatori e della organizzazione più in generale, una traccia   comune  di umanità  ritenendoli adeguati.

 
L’assessore regionale alla Salute della regione Friuli Venezia Giulia,  Giulia Maria Sandra Telesca,  al Convegno “Lasciatemi invecchiare con amore”  parlò   della cultura dell’amore (QS,22 giugno);  ricordo di essere rimasta favorevolmente sorpresa  dalle sue parole: “Tutto ruota intorno al concetto di amore (…) contro il rischio di far sentire le persone anziane inutili, all’angolo, la cura è proprio l’amore. La priorità è questa”. Mi piacque il modo di esprimersi  di questo assessore che osava dire  di quanto fosse prioritario per l’anziano  una rete di cura organizzata su un modo di essere che richiedeva amore.
 
Un modo nuovo di essere residenza assistita, anziano, infermiere.  Non so però se a queste parole  segua, nella sua regione, una programmazione che comprenda anche la cultura del controllo,  coerente con la cultura dell’amore, e quindi  conseguente, cioè altrettanto efficace come l’argomento dell’amore in politica. L’amore è infatti azione e se veramente credessimo alla “vecchiaia” come valore la distanza dalla sua negazione sarebbe invalicabile, e la sua negazione, nella fattispecie il maltrattamento di anziani, non potrebbe mai raggiungerci.
 
Se i controlli mirassero, per esempio, a rilevare la presenza o l’assenza  della cultura dell’amore, dell’ospitalità  nella  programmazione socio sanitaria per gli anziani, non vi sarebbero poi dirigenti aziendali che scelgono  di appaltare i servizi infermieristici mediante capitolati di gara “al ribasso”dove non è mai indicato neanche un indicatore di qualità assistenziale  da poter essere controllato; i  direttori di RSA non potrebbero essere dei ragionieri o  dei geometri come invece spesso accade o come può accadere, sarebbero probabilmente anche  infermieri.
 
In una cultura dove la longevità è un valore i dirigenti dei consorzi che gestiscono cooperative di operatori sanitari e infermieri sarebbero figure sicuramente  più responsabili e meno autonome nella gestione del personale sanitario e tecnico sanitario; in quella cultura  gli Infermieri  non affiderebbero   compiti di prossimità  a chi li supporta se prima non vi fosse stata una loro attenta valutazione degli stessi e gli   operatori durante le attività assistenziali non picchierebbero insultando gli anziani. I familiari degli anziani a loro volta saprebbero quale struttura scartare per la nuova residenza di un loro parente e lo stesso ente comunale non potrebbe ospitare una residenza sanitaria assistita  inospitale.
 
Nessuno di noi, evidentemente, nel caso di Narnali, ha controllato i modi di essere di chi pensa o dovrebbe pensare agli anziani. Basterebbe davvero poco per non ritrovarsi con questo dispiacere e con la vergogna per non aver rilevato in tempo che cosa avessero in serbo quegli operatori per quegli anziani. Se tutto è andato bene fino a quando le tirocinanti non hanno denunciato i mali fatti, a quale traccia di umanità ci siamo riferiti nei nostri controlli quotidiani?
L’anziano in RSA dovrebbe poter respirare la cultura della  reversibilità della propria condizione di ospite in quella nuova casa ,a partire dall’inserimento, graduale ed accettato e la possibilità che gli venga formulata  la diagnosi infermieristica di adattamento efficace  al nuovo ambiente.
 
Nelle RSA dovrebbero esserci spazi vitali ottenuti mediante operatori motivati e consapevoli e soprattutto colti, non necessariamente eruditi, ma colti. Per essere colti non serve una rara creatività o una conoscenza enciclopedica,  ma serve di avere una cultura che è nata da elaborazioni, connessioni, ridefinizioni anche semplici, ma capaci di restituire uno sguardo, una visione del mondo. Elaborazioni e connessioni   meditate con lo scopo di formarsi una compiuta personalità. Una persona colta si riconosce da come opera. Dal video sui maltrattamenti nella residenza di Narnali si osservano azioni e gesti di persone non colte, neanche erudite, persone schiave della loro ignoranza e dei loro automatismi. Perché nessuno si è accorto prima o subito di quei gesti e linguaggi? Punire più severamente chi insulta e picchia gli anziani va bene, ma è già tardi.
 
Se coloro del sistema, che oggi si dispiacciono e si dichiarano sorpresi, increduli per quanto accaduto, sono sinceri, se la responsabilità di quanto accaduto vogliamo  attribuirla solo   agli operatori oggi sospesi, possiamo comunque  dire che esiste un problema di dissonanza cognitiva ed organizzativa fra chi pensa e chi agisce e che comunque questa dissonanza andava corretta prima che il danno divenisse irreversibile.
 
Marcella Gostinelli
Infermiera

15 luglio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy