Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 25 AGOSTO 2016
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Un numero solo di telefono dei sindacati non risolverebbe i problemi

12 FEB - Gentile direttore,
spero di non intervenire indebitamente nell’interessante dibattito aperto sul numero delle sigle sindacali mediche dalla mia posizione di medico sì, ma veterinario, pur presidente di FVM che è un sindacato in cui convivono serenamente medici chirurghi e medici veterinari. Ritengo in qualche modo di avere titolo a dire qualcosa sul quesito da lei posto, se non altro perché da oltre 20 anni mi dedico alla rappresentanza sindacale dei veterinari e oggi dei sanitari e dei dirigenti in senso lato attraverso la Cosmed di cui fui un rifondatore.

Nei lustri passati si sono succeduti Governi, Ministri della Salute e della Funzione Pubblica, Presidenti di Regione e Assessori, responsabili sanità dei partiti, direttori dell’ARAN, e tutti quanti hanno sempre saputo quale era il numero di telefono di quelle organizzazioni scomode che si chiamano sindacati. Organizzazioni vetuste, con comandanti che da simpatici amici vengono definiti giurassici e incapaci, ma strumenti estremamente utili per regolamentare il lavoro, per fare accettare difficoltà e restrizioni, per fare funzionare con intelligenza la politica mettendo le pulsioni della pancia delle masse fuori dalla porta delle aule ministeriali.


Oggi lei, Direttore, ha inteso sollecitare una forte aggregazione sindacale. E oggi forse essa è più necessaria di un tempo. Ma non si tratta di semplificare i tavoli mettendo seduti solo quattro giocatori, uno per parte: salute, economia, regioni, medici. In primo luogo perché non c’è un piatto ricco da giocarsi, in secondo luogo perché la complessità della sanità è comprensibile per chiunque, e questa complessità deve essere armonizzata attraverso passaggi delicati e convincenti, anche sindacali.
 
Il dirigismo, un uomo solo al comando, un numero solo di telefono dei sindacati non sarebbero di alcun aiuto per risolvere i problemi che stanno demolendo (chieda ai cittadini se non è vero) il Ssn, la più importante tecnostruttura del welfare del paese. Le cause sono diverse, nessuno può dire di essere immune da responsabilità, ma non giochiamo a rimpiattino, assumiamoci ciascuno per la propria parte le nostre responsabilità e mettiamo in atto una stagione di iniziative concrete e decisive, diamo una “svolta buona” alla sanità pubblica che, a causa della sempre più evidente difformità e incoerenza dei modelli di riorganizzazione fatta dalle Regioni sta frantumando ogni principio di identità nazionale e di diritto costituzionale.

Il Ministro può telefonare direttamente alle Regioni – che forse avranno un solo numero - per prendere alcune decisioni significative e con interesse valuteremo la loro unità di intenti. O farsi dare da Renzi l’indirizzario che ha usato per sparare le sue 24 slide in occasione del “compleanno del governo” dove aggiunge la sua email per le impressioni, che - conferma - è sempre la solita: matteo@governo.it
 
“La quantità di riforme realizzate è impressionante - dice Renzi - ma diventa condivisa solo se arriva agli occhi e al cuore delle persone.” Bene! Quando parliamo di sanità pubblica?
 
I sindacati dei medici, dei veterinari, dei sanitari e tutte le persone responsabili che nella sanità operano con dedizione sono pronte a tirarsi su le maniche, anche la nostra mail è sempre la stessa.

Aldo Grasselli
Presidente Federazione Veterinari e Medici  


12 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy