Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 NOVEMBRE 2019
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Liste di attesa. Molto dipende da come usiamo l’informatica

30 GIU - Gentile direttore,
i lunghissimi tempi di attesa a cui i Cittadini del Lazio devono sottostare per poter effettuare esami, visite e interventi chirurgici non sono che la punta dell’iceberg di un sistema sanitario pubblico  da troppo tempo affamato dalla mancanza di risorse e asfissiato  dalla mala-gestione.
 
Un esempio lampante di cattiva gestione della “Azienda-Sanità-Lazio” sono: il disordinato proliferare di tortuose e molteplici procedure burocratiche imposte da interlocutori diversi, gli scadenti e disomogenei software acquistati con procedure di appalto dalle singole aziende o dalla stessa Regione Lazio, gli inadeguati supporti informatici a disposizione degli operatori, le lentissime connessioni internet, nonché la scelta degli operatori su cui grava una spropositata  mole di lavoro amministrativo-burocratico: i medici, che ormai passano la maggior parte del loro tempo a fare i terminalisti informatici.
 
Vogliamo sottolineare come tale scelta - essendo i medici i professionisti più pagati dalle aziende sanitarie/ospedaliere, nonché non sostituibili nella professione medica da amministrativi, ausiliari e infermieri- appaia irrazionale e anti-economica.

 
Facendo un semplice raffronto tra i programmi per le ricette che utilizzano i medici di famiglia che hanno potuto liberamente acquistare il prodotto migliore con il programma omologo, acquistato dalla Regione Lazio per gli Ospedali e le ASL, i nostri tecnocrati forse si accorgerebbero che per fare la stessa ricetta ci vogliono pochi secondi nel primo caso e molti minuti con il programma acquistato dalla Regione.
 
Se la Sanità fosse veramente gestita come un’azienda, il top management avrebbe già dettagliatamente studiato il tempo che i medici impiegano per svolgere attività non mediche, valutato  l’impatto che questo ha sull’efficienza della “Azienda-Sanitaria-Lazio” e messo in atto tutte le misure per contrastare questo irragionevole spreco di risorse umane e finanziarie.
 
Il Centro Studi Anaao-Assomed del Lazio si limita a suggerire qualche idea:
 
- ridistribuire il personale amministrativo all’interno di reparti e ambulatori, dove ormai la loro presenza è tanto indispensabile quanto assente;
 
- unificare i programmi informatici in tutte le aziende, scegliendo i migliori e non i più economici;
 
- dotare le aziende di connessione internet veloce;
 
- dotare i reparti, gli ambulatori, le sale operatorie dei supporti informatici necessari;
 
- incaricare esperti di organizzazione del lavoro per:
 
- razionalizzare le molteplici procedure burocratiche messe in essere da diversi referenti (AIFA, Regione, Direzioni Sanitarie, ecc.); 
 
- semplificare il percorso burocratico-amministrativo degli utenti fuori e dentro gli ospedali;
 
- creare un sistema di feed-back da parte di chi lavora sul campo, relativamente a programmi, supporti informatici e procedure amministrative immesse nel sistema per valutarne gli effetti e le criticità.
 
La tracciabilità, l’informatizzazione e la trasparenza delle procedure sanitarie sono prerogative irrinunciabili di una sanità moderna. Tuttavia senza aver fatto una attenta valutazione, pianificazione nonché una  continua verifica degli effetti, l’impatto della “burocrato-informazia” sta di fatto  prosciugando  le poche risorse di un sistema logoro e stremato da anni di stenti.
 
Maria Christina Cox                                                
Componente Centro Studi e Servizi
ANAAO Assomed del Lazio
 
Donato Antonellis
Presidente Centro Studi e Servizi
ANAAO Assomed del Lazio                               

30 giugno 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy