Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 03 GIUGNO 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Il nuovo contratto dei medici e l’Atto d’indirizzo: se si bada più ai principi che ad azioni concrete

25 LUG - Gentile direttore,
ho letto con molto interesse l'intervento sull'atto di indirizzo dei dott. Alessi e Proia, componenti del Comitato di Settore - sanità, professionisti esperti di sanità e, soprattutto, delle dinamiche che sottendono al mondo del lavoro dipendente.
 
Personalmente credo che abbiano centrato il problema: non è possibile rinnovare un contratto di lavoro, fermo da circa 7 anni, senza che esso contenga una vera spinta motivazionale. Eppure chi fa il mestiere di medico o di infermiere o di tecnico, ha sempre mostrato competenza e motivazione, tutti i giorni nei propri luoghi di lavoro soprattutto in tempi grigi, quelli degli ultimi anni, che hanno visto le aziende sanitarie preda di "scorribande" politiche che hanno, troppo spesso, mortificato i professionisti per non parlare, ovviamente, degli infiniti tagli lineari che hanno creato un vero contesto di disagio e di rischio lavorativo legato sia agli aspetti organizzativi che gestionali.
 
Chi, però, ha lavorato in sanità negli ultimi anni si è reso conto che la spinta motivazionale, per vicende professionali che ciascuno ha vissuto sulla propria pelle, ha subito un processo involutivo sconfinato, dapprima, verso un atteggiamento di sconcerto ed irritazione e, poi, verso uno stato di vera e propria sofferenza e depressione legata alla percezione che non vi sia più una via di uscita dal lungo tunnel.

 
Non si può fare sanità senza i sanitari, la qualità delle prestazioni non è solo legata alle tecnologie ma soprattutto alla forza lavoro. Quindi hanno ragione Alessi e Proia che occorre uno sbocco riformatore positivo e che il fattore principe è la risorsa umana su cui occorre investire attraverso risorse economiche, certezze contrattuali, tutele professionali e riconoscimento del merito e della professionalità. 
 
Ma tutto questo, purtroppo, non sembra intravedersi nell'atto di indirizzo che sembra improntato più su principi che azioni.
 
Un contratto ideale dovrebbe vedere i principali attori (sindacati, comitato di indirizzo ed ARAN) uscire dai soliti "riti", lontani dalle realtà lavorative ed abbandonare la logica "play station" che governa i processi da una "console" a distanza ed adottare, secondo la moda più recente, la logica "Pokemon go", che va incontro all'obiettivo finale, accertare le reali esigenze di chi cura le persone proprio per rilanciare la risorsa umana come valore essenziale per una sanità moderna.
 
Ovviamente il mio punto di vista può apparire utopistico ma se solo ci chiedessimo perché i contratti decentrati non sono applicati in gran parte delle aziende; del perché la norma sull'orario di lavoro continua ad essere disattesa; del perché il medico di guardia è sempre abbandonato al proprio destino senza vere tutele; del perché l'art. 18 è interpretato "a soggetto"; del perché vi sono direttori di struttura responsabili in più presidi distanti decine di chilometri tra loro; del perché i costi assicurativi ricadono sempre di più nelle tasche dei medici, familiari ed eredi; del perché la libera professione è fortemente limitata da burocrazia e preconcetti che vedono sempre i medici sul banco degli imputati pur consapevoli che le liste di attesa sono la risultante di processi organizzativi imposti dalle stesse aziende sanitarie.
 
Ecco solo pochi esempi su cui occorre lavorare senza dimenticare che la "logica dello sviluppo" contro la "desertificazione delle idee" deve basarsi su azioni concrete e non essere improntata su di una sanità a basso costo, magari prodiga di tante medaglie di latta a fronte di migliaia di ore di lavoro aggiuntive senza le necessarie risorse e tutele.
 
Guido Quici
Vice Presidente Vicario Cimo

25 luglio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy