Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 27 MAGGIO 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Carlo De Santi e la radiologia fatta di rapporti rispettosi tra professionisti che non c'è più

di Maurizio Guccione

16 SET - Gentile direttore,
è deceduto nei giorni scorsi l'ex primario della radiologia dell'ospedale di Lucca. Carlo De Santi, 71 anni, mi piace ricordarlo così, associando il suo nome a un servizio di un ospedale; tralasciando volutamente la dizione di azienda sanitaria per un motivo ben preciso: perché De Santi è stato prima di tutto un uomo che ha letteralmente vissuto dentro il perimetro dell'ospedale, per scelta ma anche per la valenza che egli dava all'impegno dell'uomo-medico. De Santi faceva parte di quella schiera di radiologi che venivano dalla radiologia dei primordi. Una radiologia importante perché dirimeva nell'epoca di una tecnologia certo non sofisticata come quella attuale.
 
E nella radiologia dei primordi vi era anche la radiologia umana, fatta da rapporti rispettosi, ad esempio con i Tecnici di radiologia medica. De Santi non considerava un ostacolo la progressione formativa dei Tsrm perché ben sapeva che ciò avrebbe portato ad armonizzare la qualità: l'affidabilità delle prestazioni ma anche e soprattutto il rapporto con il paziente. È stato un primario mai sordo, seppure assorbito da mille problemi, cosicché traspariva il suo impegno a volte giustamente finalizzato alla gratificazione.
 
Sicuramente è stato un primario presente che incarnava la locuzione latina di intramoenia, perché all'interno di quei muri egli c'era. Non si nascondeva né scappava di fronte alle difficoltà, era appunto il primario e perciò riferimento. La sua scomparsa rattrista perché è venuto meno un uomo, certo, ma anche perché ci ha abbandonato un pezzo di storia della radiologia di un tempo.
 
Che a me piace ancora soprattutto per quel ricordo fatto di rapporti tra uomini che a viso aperto parlavano, discutevano, si confrontavano e scontravano. Oggi, a me pare che prevalgano altre posizioni, altre logiche e che l'uomo stenti a riconoscere l'uomo che ha accanto.
 
Maurizio Guccione
Tsrm Lucca

16 settembre 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy