Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 16 OTTOBRE 2019
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

La correzione dei difetti visivi è attività medica

06 NOV - Gentile direttore,
la Fnomceo ha recentemente diffuso l'esito delle sentenza n°8885 della Corte di Cassazione Penale (Allegato a) dove si afferma: “ciò che rileva ai fini dell'accertamento del reato di esercizio abusivo della professione medica non è il metodo scientifico adoperato, ma la natura dell'attività svolta.
 
Ciò che caratterizza l'attività medica, per la quale è necessaria una specifica laurea  e una altrettanto specifica abilitazione, è la diagnosi, cioè l'individuazione di un'alterazione organica o di un disturbo funzionale, la profilassi, ossia la prevenzione della malattia, e la cura, l'indicazione dei rimedi diretti ad eliminare le patologie riscontrate ovvero a ridurne gli effetti: sicché non ha rilievo la circostanza che queste tre componenti della professione medica siano effettuate in base a tecniche o metodi non tradizionali ,come quelli omeopatici o naturopati, in quanto ciò che rileva è che siano poste in essere da soggetti che non hanno conseguito la prescritta abilitazione medica”.

 
In campo oculistico il DM 5/11/65 definisce le ametropie e le anomalie muscolari e loro complicanze  come “malattie sociali“(Le malattie sociali - Luigi Tonino Marsella, vedi Allegato b).
 
Ed ancora M.Stirpe e M.Centofanti (in “XXI secolo”,  Treccani, Allegato c) riferiscono che una importante causa di cecità è rappresentata dalla mancata correzione dei difetti visivi (o vizi)di rifrazione ,riprendendo una dichiarazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che stima che a tale mancata correzione vadano attribuiti 8 milioni di casi di cecità e 145 milioni di casi di ipovisione.
Pertanto sembrerebbe ovvio che la profilassi, la diagnosi e la cura dei difetti visivi (ametropie) sia parte integrante della visita medica oculistica e pertanto di esclusiva pertinenza del medico oculista.
 
E' peraltro innegabile che il medico oculista sia sovente coadiuvato nel corso dell'attività medica dall'ortottista o assistente di oftalmologia e che demandi all'ottico la realizzazione degli ausili che permettano la correzione dei difetti visivi .
 
Indubbiamente una collaborazione sinergica medico oculista, ortottista e ottico potrà sicuramente contribuire alla migliore salute visiva della popolazione.
 
La società scientifica GOAL (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi), rappresenta i medici oculisti territoriali che da anni costituiscono il primo punto di contatto del paziente affetto da malattie o disturbi funzionali visivi. Lo scopo primario di GOAL è quello di promuovere  una qualificata prevenzione primaria e secondaria,  per realizzare una costruttiva alleanza con i pazienti per la  salvaguardia della migliore funzione visiva. 
 
Danilo Mazzacane
Medico Oculista
Segretario GOAL

06 novembre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy