Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 MAGGIO 2017
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Responsabilità professionale. Alcuni aspetti forse perfettibili, ma va bene così

03 FEB - Gentile Direttore,
il veloce passaggio in Commissione Affari Sociali della Camera della proposta di legge sulla responsabilità professionale in campo sanitario, ora attesa dall'esame consultivo di altre Commissioni e quindi della discussione finale in aula a partire dal 13 febbraio, è stato un segnale importante: pur in una contingenza politica complessa e con prospettive incerte sulla durata della legislatura, ci avviciniamo alla definitiva approvazione di un provvedimento atteso da oltre un decennio.
 
In molte occasioni, anche su Quotidiano Sanità, ho espresso la soddisfazione per gli obiettivi e per l'impianto del provvedimento. Si interviene sulla gestione del rischio clinico, sulla natura della responsabilità del professionista, sulla conciliazione obbligatoria, sulle tutele assicurative, sul Fondo di garanzia per i danni derivanti da responsabilità sanitaria, sulle Linee guida elaborate dalle società scientifiche, sulla disciplina relativa ai consulenti dei tribunali.

Come é normale che sia, in un provvedimento ampio e complesso, frutto di ormai oltre tre anni di lavoro alla Camera e al Senato, ravvedo ancora degli aspetti a mio parere perfettibili. Resto per esempio dell'idea che possa creare confusione la coesistenza di una natura della responsabilità in capo alla struttura di tipo diversa da quella stabilita per il professionista. Si poteva fare di più rispetto al tema, rimasto in larga parte inevaso, dei medici il cui operato è oggetto di trattative extragiudiziali portate avanti, a volte a loro insaputa, dalle strutture di appartenenza.

 
Sui punti a mio dire migliorabili ho presentato alcuni emendamenti; ma nella consapevolezza di dover in primo luogo contribuire all'obiettivo principale - portare a compimento la legge - ho poi deciso di ritirarli. Mi auguro in ogni caso che possano esserci ulteriori strumenti normativi per intervenire successivamente.

È infine importante, dal mio punto di vista, sottolineare il clima generalmente positivo che ha accompagnato l'esame, per forza di cose lungo e complesso, del provvedimento. Ferme restando le diverse posizioni su più punti - ricordo in particolare le combattute sedute nell'aula della Camera nel gennaio 2016 - non ci sono stati atteggiamenti ostruzionistici o di chiusura a priori. Anche per questo ritengo che oggi possiamo dire di essere quasi giunti alla positiva conclusione del lungo iter.
 
Benedetto Fucci
Conservatori e Riformisti


03 febbraio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy