Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 26 SETTEMBRE 2017
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

L'esperienza di Trento sulle DAT

16 LUG - Gentile direttore,
sono molti anni che, nel nostro Paese, si discute e ci si accapiglia sulla materia delle direttive anticipate di trattamento (DAT) e l’inerzia dei nostri rappresentanti politici è un dato di fatto che si fatica a comprendere nelle sue reali intenzioni o, per usare una metafora tanto cara a Iankèlèvitch, un “mistero irragionevole”.

Esistono, tuttavia, esperienze locali sulle quali vale la pena di riflettere prima di approvare leggi che hanno il rischio di creare più problemi che reali vantaggi: una di queste è quella realizzata in Provincia di Trento che ha preso l’avvio nel 2013, con una delibera approvata dalla Giunta provinciale, con la quale è stato dato mandato all’Azienda provinciale per i Servizi sanitari di Trento di creare una banca dati delle DAT sulla base delle indicazioni fornite dal proprio Comitato di bioetica che ha lavorato, in questi anni, focalizzando tutte le sue energie sulla pianificazione anticipata della cura (advance care planning) che tutte le esperienze internazionali riconoscono come un formidabile strumento di umanità del care: riguardando persone ammalate che, con il sostegno attivo del team di cura, esprimono la loro decisione riguardo a trattamenti medici che si renderanno necessari per l’evoluzione naturale della malattia quando essi non avranno più la voce per farlo.

 
L’impegno del Comitato, presieduto dal Prof. Erminio Gius, si è così focalizzato in questi anni sulla predisposizione di una scheda per la raccolta delle DAT inserita negli applicativi informatici, sulla predisposizione di un Glossario per spiegare alle persone i termini di più frequente utilizzo in campo clinico e di una Raccomandazione rivolta ai professionisti e sulla realizzazione, in tutti gli ambiti territoriali della Provincia di Trento, di un Corso di formazione che ha raggiunto oltre 200 professionisti, coinvolgendo attivamente anche i medici di medicina generale.
 
Sono circa 50 le persone ammalate che hanno così già espresso la loro volontà anticipata di trattamento ma non è il loro numero che testimonia la bontà della ricaduta del lavoro fatto: è il cambiamento e l’apertura culturale dei professionisti che abbiamo registrato il vero successo dell’iniziativa pur essendo consapevoli che questo cambiamento e questa nuova apertura dovranno essere sostenuti nel tempo e rafforzati soprattutto dall’organizzazione.
 
Fabio Cembrani
Direttore U.O. di Medicina Legale
Azienda provinciale per i Servizi sanitari di Trento 


16 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Documento

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy