Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 OTTOBRE 2017
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Ragionare coi No-Vax? Impossibile

03 AGO - Gentile Direttore,
un medico a Cosenza è stato picchiato da un padre NO VAX. Tre parlamentari sono stati picchiati da manifestanti NO VAX.
All'Ordine dei Medici di Napoli al confronto proposto dal Presidente sul tema Vaccini, i NO VAX invitati si sono rifiutati di partecipare, lasciando la sala discutere solo la posizione a noi già nota e condivisa. Alla fine dell'incontro il Presidente Scotti ha rinviato ad un nuovo confronto, proponendo di aprire a tutti la piattaforma EBSCO che oggi è un servizio ad accesso limitato sul sito web dell'Ordine.  
 
Credo che il dialogo sia ingenuo.
 
A) I NO VAX sono una SETTA e si comportano come tali, per questo rifiutano il confronto se non è aggressivo.
B) I NO VAX usano i metodi di stalking di massa online e ricevono materiale ben confezionato online come accadde per il referendum del 4 dicembre, per questo rifiutano il confronto sui contenuti.
C) I NO VAX sono della classe medio-alta, quindi usano i mezzi di conoscenza meglio degli altri, forse anche meglio di noi due...
 
Tuttavia la proposta di estendere EBSCO è sbagliata o meglio un'arma a doppio taglio.

Faccia lei stesso la prova, come ho fatto io provando ad usare PUBMED per arginare alcuni deliri dei NO VAX.
 
A) Essendo una setta-politicizzata-middle-class i NO VAX ci hanno messo trenta secondi a trovare su PUBMED articoli a loro favore. 
 
Siamo ingenui. EBSCO e PUBMED pubblicano tutto, incluso le opinioni personali e i lavoro su singolo caso.
 
B) Allora ho dovuto spiegare che cos'è una Review e perché questa abbia valore e non tutti gli altri studi.
 
Siamo ingenui. Le Review vengono pubblicate ogni anno ed ogni anno possono modificare i parametri del paradigma scientifico dell'anno precedente. I NO VAX lo sanno, perché usano Popper a modo loro, ma sanno come funziona la rivoluzione del paradigma scientifico di Kuhn e stanno abusando di entrambi.
 
C) Secondo Popper il paradigma cambia in modo inclusivo ed estensivo dei precedenti paradigmi, raramente operando vere rivoluzioni copernicane, che sono tali solo quando mancano del tutto dati a supporto delle ipotesi. 
 
Siamo ingenui. Secondo il Popper-No-Vax il paradigma cambia, quindi questo contro la relazione autismo-vaccini o non è stato ancora dimostrato, perché sono stati negati i casi mortali e morbosi da BIG PHARMA, oppure perché non vengono fatti gli studi in modo corretto.
 
D) Secondo Kuhn il paradigma cambia in modo anche radicale quando migliaia di studi convincono la maggioranza degli scienziati che la nuova ipotesi scientifica produce migliori risultati. 
 
Siamo ingenui. Secondo il Kuhn-No-Vax la maggioranza qualificata a decidere quale ipotesi scientifica sia vera e quale falsa è appunto la maggioranza democratica degli elettori italiani, che loro appunto manipolano meglio di quanto noi siamo in grado di informare anche perché, come abbiamo visto, il confine del paradigma scientifico da Popper a Kuhn è diventato volatile e frattale.
 
I NO VAX sono una setta ma noi medici siamo una "vera religione", ammettiamolo... e per quanto possiamo mostrare Review internazionali i sofisni suddetti e tuttli gli altri metodi di persuasione della fede NO VAX saranno sempre capaci di ribaltarli.
 
Socrate accetta la cicuta... 
Noi dobbiamo obbligare ad accettare i vaccini...
Veda come il paragone, corretto dal punto di visto del significato del contrasto ai sofismi, di fatto sia di per sè a danno della nostra tesi.
 
Infine esiste un margine ampio di medici, come quelli di Medicina Democratica, che usano il criterio Kuhn-No-Vax in modo talmente esteso da essere diventati Medicina Anarchica. Partendo dalla ferita narcisista dell'espulsione di uno dei loro fondatori proprio sulla questione vaccini, hanno assunto una posizione ideologica contraria inamovibile in cui la democrazia in realtà è saltata a piè pari, appunto dalla posizione autarchica ed anarchica.
 
A volte a noi medici tocca il compito di tagliare gli arti....
 
A) Paradossalmente oltre all'obbligo di legge, propongo anche di chiedere tramite il Tribunale dei Minori, visto che non sarà proposto per legge la sospensione temporanea della potestà, una volta che la legge abbia accertato la colpevole omissione per garantire la vaccinazione di massa.
 
B) Inoltre e sempre più paradossalmente propongo che sia strappata la Tessera Sanitaria a chi si professi NO-VAX o NO-CHEMIO perché di fatto costoro ci considerano tutti corrotti e nemici della salute loro e dei loro figli, e sono pronti, come è già avvenuto a Cosenza  a picchiarci.
 
C) Seriamente penso invece che dobbiamo fermarci nell'idea di obbligo sulla base di informazioni date, senza inseguire all'infinito i sofismi.
Dobbiamo prendere noi la cicuta e mettere un punto, lasciando che i flamers (si dice così?) parlino a vuoto, senza più un bersaglio.
 
Manlio Converti
Psichiatra

03 agosto 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy