Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 01 DICEMBRE 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

In Abruzzo la sanità è allo sfascio. Colpa del “centralismo autoritario”

di Cesare Di Carlo

03 NOV - Gentile Direttore,
lo stato di totale degrado in cui versa la sanità abruzzese è oltremodo preoccupante, per questa ragione la Federazione Veterinari e Medici (Fvm) regionale denuncia con forza questa situazione che viene da lontano. Dapprima la mannaia del lungo Commissariamento con annessi Piani di rientro e, successivamente, la tanto evocata esigenza “normativa” di consolidare quella presunta “virtuosità” che avrebbe permesso il ritorno alla gestione fisiologica della sanità regionale; in ambedue i casi abbiamo assistito allo sventramento delle risorse positive che avevano caratterizzato la sanità abruzzese negli anni precedenti.

La “riorganizzazione” della Rete Ospedaliera, che avrebbe dovuto rispondere ad esigenze di efficacia, efficienza ed appropriatezza dei servizi offerti ai cittadini, si è caratterizzata con una lunga ed estenuante guerra di “campanili” protesi unicamente a salvaguardare il proprio Ospedale; guerra che continua ad essere al centro dell’agone della politica sanitaria nostrana, anche e soprattutto in virtù delle prossime scadenze elettorali.

Le scelte sicuramente più efferate sono state e continuano ad essere quelle che, in virtù della decantata esigenza di “fare economia”, giustificano la demolizione di Servizi di eccellenza nei quali professionisti seri e non “apparentati” con il potere politico hanno portato avanti, sulla propria pelle, esperienze virtuose capaci di rispondere ai bisogni della popolazione, pur in totale carenza di risorse umane e funzionali. Queste esperienze, di indiscutibile eccellenza, sono state oggetto di boicottaggi attivi protesi a renderle non fruibili da parte della popolazione e, quindi, a dimostrarne la non redditività nei “nobili” sistemi aziendali.

Dall’altra parte, si è constatato un proliferare di nuove strutture e di nuove unità operative che hanno riempito gli organigrammi dei nuovi Atti Aziendali; strutture assolutamente “fatiscenti” e prive di alcun legame con i bisogni di salute espressi dalla popolazione abruzzese; strutture però utilissime per costruire nuovi primariati necessari a sfamare molteplici “appetiti amici”.

In sintesi si è estremamente amplificata quella storica “contraddizione” che vedeva e vede quei professionisti motivati da una vera “missione” ma distanti dalla dimensione di “appartenenza”, gli unici protagonisti di esperienze positive protese unicamente a dare risposte vere ed eccellenti ai bisogni dei cittadini, soccombere sotto la mannaia delle ritorsioni del potere che sta portando a termine un cinico disegno di epurazione di tutti i “non allineati”.

La tanto decantata e celebrata centralità della medicina territoriale che, da sempre, avrebbe dovuto rappresentare il “fulcro” del sistema sanitario regionale, si è confermata un grande bluff che mantiene, al centro della attenzione della politica, solo ed unicamente l’Ospedale inteso come una grande centrale di potere in grado di garantire enormi serbatoi elettorali.

La chimera della integrazione socio-sanitaria, che avrebbe dovuto favorire l’incontro tra due aspetti inscindibili nell’espressione e nell’appagamento dei bisogni assistenziali della popolazione, non ha mosso neppure i primissimi passi trovando addirittura forti resistenze sulla necessità prioritaria di ridisegnare la mappa dei nuovi distretti e dei nuovi ambiti sociali, che avrebbero dovuto geograficamente coincidere per permettere una reale sinergia degli interventi sociali e sanitari; ma, a tutt’oggi, non si è realizzato neppure questo primo indispensabile obiettivo.

Federazione Medici e Veterinari stigmatizza con forza questo atteggiamento irresponsabile della classe politica abruzzese che, ora più che mai, sembrerebbe proteso unicamente a garantirsi utili “bottini elettorali”, dimenticando completamente i bisogni di salute della popolazione e misconoscendo ogni tipo di meritocrazia dei professionisti che operano nel “sistema salute”.

Fvm ritiene indispensabile una immediata inversione di tendenza, in grado di ricostruire un humus di affidabilità e di fiducia reciproca tra gli attori protagonisti del sistema salute abruzzese; inversione di tendenza che deve vedere protagoniste tutte le componenti attive attraverso il rilancio di quel confronto e di quella concertazione che da troppo tempo sono stati accantonati a favore di un “centralismo autoritario”.

Solo in questo modo si potranno ripristinare le condizioni necessarie per favorire una reale rinascita del Sistema Sanitario Regionale.

Cesare Di Carlo
Vice presidente regionale FVM Abruzzo


03 novembre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy