Quotidiano on line
di informazione sanitaria
27 MAGGIO 2018
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Le soglie Oms-Ocse non esistono. Ma l’allarme sulla spesa sanitaria italiana è reale

16 MAG - Gentile Direttore,
la spesa sanitaria pubblica sotto il 6.5% è sotto la soglia di sicurezza indicata dall’OMS? Si tratta, come lei osserva, di una affermazione assolutamente impropria. Infatti: l’OMS non indica soglie di sicurezza (come lei giustamente rileva); non esistono “soglie” in tale settore, ma valutazioni politiche e socio-economiche; non è rilevante la percentuale di Pil, ma il rapporto bisogni/spesa pro capite.
 
Ciò detto la riduzione spesa sanitaria pubblica al disotto del 6.5%, in Italia, rappresenta un rischio per il Servizio sanitario nazionale? Si. Un grave rischio e un (ulteriore) tassello nel percorso verso il suo lento, ma costante, smantellamento.
 
Infatti la spesa per la sanità pubblica in Italia è, in questi anni, in continua diminuzione. Questa è una verità incontrovertibile, e chi afferma il contrario mente, o per ignoranza o sapendo di mentire.
 
La realtà è  così riassumibile:

 
1. Il finanziamento sanitario pubblico è costantemente diminuito rispetto ai bisogni della popolazione. Infatti, poiché la popolazione invecchia, i bisogni sanitari (consumo di farmaci, percentuale di cronicità e disabilità etc) aumentano.
 
2. Gli investimenti sono costantemente diminuiti: nell’ultimo quadriennio ridotto di oltre il 42% (Corte dei Conti, Audizione sul Documento di economia e finanze, maggio 2018)
 
3. Il finanziamento sanitario pubblico è costantemente diminuito rispetto agli accordi via via definiti con le Regioni e le parti sociali, nelle previsioni del Def 2014 rispetto al Def 2013, nel successivo patto per la salute 2014 – 2016, nella legge di Stabilità 2016   e poi negli ultimi due Def.
 
4. Il finanziamento sanitario pubblico è diminuito rispetto alle prestazioni sanitarie definite nei Livelli Essenziali di Assistenza, ma non finanziate.
 
5. Il finanziamento sanitario pubblico è diminuito rispetto al Pil, con la previsione, contenuta del Def 2018, di riduzione del finanziamento al 6.4 % nel 2019 e al 6.3% nel 2020 e 2021.
 
6. Il finanziamento sanitario pubblico è diminuito, in termini di spesa reale pro capite, di ben € 95,3 nel decennio 2005 -2015.  
 
Questa è la realtà che emerge da un’analisi delle politiche finanziarie e di welfare degli ultimi anni.
 
Da una necessaria e comprensibile azione di ricerca di appropriatezza ed efficientamento del Servizio sanitario nazionale, che si è dimostrato, nel suo insieme, sobrio e resiliente, si è passati a trasformarlo nel  Bancomat della finanza pubblica, nella incapacità di intraprendere politiche espansive e una seria riforma fiscale.
 
Marco Geddes da Filicaia
 

16 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy