Quotidiano on line
di informazione sanitaria
18 NOVEMBRE 2018
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Carenza Mmg: criticità o leggenda?

18 OTT - Gentile direttore,
negli ultimi giorni si è letto, visto e ascoltato tutto e il contrario di tutto sulla mancanza di Medici di Medicina Generale nel nostro Paese. L’allarme lanciato da qualche anno a questa parte dalla FIMMG si è concretizzato nel raddoppio del numero delle borse di studio, con il fine di raddoppiare i contingenti per il Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale sull’intero territorio nazionale.
 
Il Governo, oltre a stanziare le risorse per le borse di studio, ha lanciato una proposta che ha come scopo la stabilizzazione dei Medici precari che operano nel SSN nell’ambito della Medicina Generale.
 
Quando ho letto l’annuncio del Ministro in merito, ho pensato che si trattasse di una proposta per dare attenzione e soluzioni a Medici che con sacrificio hanno superato un concorso di accesso e conseguito il titolo in Formazione Specifica in Medicina Generale, che attendono da anni la convenzione e, quindi, la stabilizzazione a tempo indeterminato.

 
Nei giorni a venire, ho capito che la proposta si rivolgeva non a medici che hanno il titolo in Medicina Generale, ma a quei medici che senza alcun requisito per essere iscritti nelle graduatorie regionali della Medicina Generale, hanno incarichi temporanei nei settori della stessa.
 
E questa sarebbe una stabilizzazione di precari? Con riconoscimento di diritti, come la malattia?

Premetto che i medici che lavorano, anche a tempo indeterminato nella Medicina Generale, essendo liberi professionisti in convenzione, non possono usufruire di tale diritto. Detto ciò, in realtà tale proposta consiste nel consentire a medici precari di frequentare il Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale, senza alcuna prova concorsuale. Da ciò si deduce che in realtà la proposta servirà a rendere dei medici precari senza titolo, medici precari diplomati, che andranno a sommarsi ai medici che entrano in soprannumero ai CFSMG, ai sensi dell’art. 3 della legge 401/2000.
 
La proposta, quindi, non è altro che un’estensione della legge 401/2000.
Norma, quest’ultima, che è una sanatoria sul piano della formazione, che va a danneggiare e mortificare quei medici che hanno vinto un concorso di accesso, come già ho spiegato in passato. (QS 26 marzo 2014, QS 6 maggio 2015)
 
Da tutto ciò si evince che chi sarebbe danneggiato da tale provvedimento, sono i medici più giovani, che hanno la sola pecca, essendo anagraficamente più piccoli, di avere un basso punteggio per titoli di servizio, nonostante siano vincitori di concorso. Ciò comporta che costoro vengono poi superati nelle graduatorie regionali da chi usufruisce di tale sanatoria formativa, ritardando, conseguentemente, l’accesso alla Professione.
 
Fatta l’analisi, mi chiedo, come è possibile che un Governo, che si definisce del Cambiamento, possa partorire una proposta che è l’esatto opposto della meritocrazia.
 
Il consulente del Ministro, reso famoso da un hashtag di una mobilitazione sui social, a cui io stesso ho partecipato, evidentemente, anche se ha agito in buona fede, non si rende conto che la carenza non è omogenea in Italia, ma è concentrata in particolar modo nelle regioni del Nord. Al Sud, soprattutto in Campania, i medici con i requisiti ci sono, ma si perpetua una omissione di pubblicazione di ambiti carenti, con la conseguenza di dover incaricare provvisoriamente tali medici, per poter tamponare l’assistenza territoriale ai Cittadini, o meglio, “la peggiore assistenza territoriale possibile”!
 
A tal proposito il 9 novembre noi, Medici di Medicina Generale precari, in attesa di convenzione, manifestiamo a Napoli, presso il Centro Direzionale, Isola C 3, sede dell’Assessorato alla Sanità, regione Campania. Invitiamo a parteciparvi il Ministro della Salute, il Suo consulente per la Medicina Generale e tutte le Organizzazioni Sindacali della Medicina Generale.

Dott. Salvatore Caiazza
Già Segretario Regionale FIMMG Giovani Campania


18 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy