Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 GIUGNO 2019
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

La polemica sugli spot sulla malasanità. Manca ancora cultura del rischio clinico

28 DIC - Gentile direttore,
in questi giorni ho visto in TV la pubblicità di Obiettivo Risarcimento e ho letto il vostro articolo. Se non ricordo male, già 5 anni fa la stessa società aveva lanciato una campagna sui risarcimenti per danno da malasanità. Ricordo di averlo visto su vari canali televisivi italiani, forse anche sentito in radio.
 
A quello spot “fai sentire la tua voce” era seguito un contro-spot dei medici con avvoltoi che rappresentavano la caccia al risarcimento.
 
A me questa vicenda fa pensare che in Italia manca una cultura intermedia. Sbagliare in medicina-chirurgia fa male al paziente e fa male al chirurgo.
 
Un giorno un mio conoscente chirurgo ortopedico anziano mi disse: “Quasi nessuno in Italia vuol più specializzarsi per fare l’ortopedico. Se ti curi un paziente che prima non camminava e lo rimetti in piedi, magari zoppicando un po’, quello ti denuncia perché ora  zoppica. Si è passati da 0 a 9 ma lui ti denuncia perché non sei arrivato a 10/10!”

 
In un Paese dove prevale il servizio sanitario pubblico, il paziente deve essere messo al corrente dei propri diritti e dei canali istituzionali offerti a sua tutela, con informazioni chiare ed una educazione adeguata. I sanitari devono avere tempo e risorse per lavorare in sicurezza, e per valutare a fondo con i pazienti rischi e benefici.
 
I danni vanno prevenuti o contenuti, come vanno prevenuti e contenuti i contenziosi legali. Altrimenti si avranno sempre due piani: quello del sanitario (magari molto preparato ma non in grado di operare con serenità, quindi arroccato sempre più su posizioni di medicina difensiva) e quello del paziente (disinformato, danneggiato, frustrato, e preda dei cacciatori di risarcimento su commissione).
 
Non è mai facile mediare, ma i sanitari il dolore lo affrontano tutti i giorni. Bisogna trovare spazi e risorse per intervenire in sicurezza, e infondere nella popolazione un ritrovato senso di fiducia nella sanità. La sicurezza di chi sa di avere le giuste informazioni e le giuste tutele (senza arroganza e senza paura) e di chi sa di poter intervenire con tutta la propria competenza in sicurezza (di nuovo, senza arroganza e senza paura).
 
Vanda Carli-Rössl
Fisioterapista in pensione
 

28 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy