Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 16 LUGLIO 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Codice infermieri. Il presidente Carlotti ha squarciato il velo

28 APR - Gentile Direttore,
la testimonianza di Carlotti (QS, 26 aprile) è importante perché viene  da un luogo chiuso, dove noi infermieri non sappiamo cosa accada, e proprio per questa chiusura del luogo, ciò che da noi  viene  percepito è inteso, dai suoi abitanti, come  il male; dire qualcosa  di quel luogo  non conviene mai perché automaticamente  entri nell’aperto, e lo spazio aperto non protegge.
 
Carlotti dice l’ardente verità che riassunta è questa: il codice deontologico degli infermieri è stato  approvato senza che ogni  direttivo lo abbia potuto  discutere e approvare  con i suoi iscritti,  perché la bozza è arrivata con posta certificata solo il giorno prima della convocazione del consiglio nazionale, dove è stato invece approvato dai presidenti, alla faccia della comunità vera che rappresentavano e che non doveva sapere cosa si stava svolgendo in quel Consiglio.
 
Se è andata cosi per tutti gli altri ordini quel codice approvato non è il codice deontologico degli infermieri.

 
E sapete perché? Perché le consultazioni infermieristiche on line erano state davvero poche (detto anche da alcuni presidenti dell’allora collegio) e invece di preoccuparsi di trovare altri metodi di discussione hanno pensato (sembra)   che fosse meglio non cercare  la discussione, né prima,  né  durante il processo di formazione del codice; l’apparente non interesse degli infermieri per le cose degli infermieri sembra che faccia loro  gioco.
 
Questa volta “i soliti noti “ a pensar male hanno fatto bene.
 
Carlotti sembra essere l’unico presidente che si è preoccupato di rappresentare i propri iscritti ritenendo “il consiglio direttivo l’organismo dove si esprime la volontà della comunità infermieristica”. Ma allora, se in un sistema rappresentativo non si tiene conto del rappresentato, perché il rappresentato, obbligatoriamente iscritto, dovrebbe pagare quella che a questo punto è solo una tassa e che  in quanto tale  non è garanzia di tutela, né per l’iscritto né per il  cittadino curato da quell’iscritto non rappresentato?
 
Perché noi infermieri dovremmo rispettare un codice che non è nato dagli infermieri  approvato senza la loro approvazione? A che servono gli ordini provinciali, a che serve la Fnopi se non a garantire la sua/loro propria esistenza? A che serve la competenza di Aceti che come portavoce della Fnopi porta ai cittadini  una non voce? Perché chiedere 3 euro in più ad iscritto a ciascun ordine se poi non si considera chi te li dà?
 
Cari colleghi, rispondo da qui a coloro che criticano Carlotti dicendo che bastava dire no ad ogni articolo e non votarlo: no, non sarebbe bastato perché il problema non è il non aver detto in Consiglio ciò che si pensa, il problema è che la Federazione contava sul fatto che  i Presidenti arrivassero  in Consiglio con un pensiero omologato, come il meccanismo perfettamente oleato del sistema   impone;  accordo tacito sempre. Carlotti ha interrotto quel meccanismo uscendo e ha comunicato al mondo che ha rinunciato a quel metodo.
 
Bene ha fatto Carlotti ad andarsene perché come egli dice nella sua bella lettera (…) “sono stato presente all’illustrazione del codice il venerdì pomeriggio dove mi è stato chiaro che questo disagio era percepito solo da me e dal consiglio che rappresento per cui ho ritenuto che la quarta opzione (non partecipare), convinto che in nessun caso il risultato sarebbe cambiato, fosse la migliore”.
 
Evidentemente Il senso d’impotenza di quel presidente, la percezione di non contare, il fare  predeterminato di quel sistema, ha portato la coscienza di Carlotti a stare male e ad  uscire e con lui tutti  noi che diciamo no a questo modo  di essere Ordine, infermiere, dirigente, presidente, cittadino.
 
Carlotti dice di percepire irrispettoso l’atteggiamento di colui/coloro che non rappresentano  i propri iscritti. Noi la pensiamo come Carlotti e ci aspettiamo dagli altri presidenti una giustificazione, una motivazione anche umana,  di limite, che ci permetta di continuare a considerarli nostri presidenti.
 
Io,  da qui,  lo chiedo al presidente dell’ordine di Firenze, Danilo Massai, al quale ho chiesto alcuni giorni prima la bozza del codice e che me l’ha mandata dopo l’approvazione, a conferma di quanto Carlotti riferisce. Voi altri colleghi, iniziate a chiederlo ai Vostri altri presidenti e impegniamoci ad ascoltare le loro motivazioni. Invitiamoli ad essere generosi, altruisti e sempre competenti, con gli infermieri
 
Carlotti dice (…) la Federazione ha legittimamente valutato di fare diversamente” (…) ; no Carlotti, qui non sono d’accordo, non lo ha fatto legittimamente perché può essere un modo autoritario di fare, ma non legittimo, considerando che gli infermieri avevano il dovere-diritto di discutere il loro nuovo codice e non ritenendo le consultazioni on line l’unico modo possibile avevano  diritto ad altri metodi più inclusivi di partecipazione e quindi più discorsivi e riflessivi e di consenso, e quindi di dire si a quel Codice.
 
Egli prova profonda  e sincera ammirazione per tutti quelli che sono riusciti a farsi un giudizio completo in cosi poco tempo; posso capire la sua esternazione di umiltà, ma non è sufficiente perché anche quelli “lesti ” hanno bisogno della riflessione dei loro iscritti per approvare.
 
Avere incitato i propri iscritti   alle consultazioni on line, infatti, non è sufficiente agli infermieri.
 
Mi permetta Carlotti di dissentire anche sulla sua ultima affermazione: “La comunità infermieristica ha approvato il nuovo Codice Deontologico, questo è il codice che gli infermieri devono adottare”.
 
La comunità infermieristica per tutto quanto lei ha detto sopra non ha potuto approvare il nuovo codice deontologico, la comunità infermieristica lo subirà come subisce ogni giorno la volontà altrui di farli sgobbare e basta e a testa bassa”.
 
La comunità infermieristica lo adotterà perché ha da durar fatica nella più arida indifferenza di tutti  in questo sistema,  e quindi risparmia le oramai poche energie che ha.
 
Vorrei anche chiedere ai nuovi presidenti di Ordine, che durante il mandato Silvestro erano per cosi dire di “lotta continua” (mi si conceda l’espressione), dove sono andati a finire i loro intendimenti precedenti, e chiedergli  come hanno inteso rappresentare i loro infermieri, se hanno votato il nuovo codice.
 
Ringrazio Emiliano Carlotti, è di questo genere di Presidenti che abbiamo bisogno: umani, sinceri, limitati  nell’apprendimento “lesto”, ma onesti e rispettosi e per questo competenti . Con presidenti cosi saremmo presto uniti e coesi, viceversa viva la disunione.
 
Marcella Gostinelli
Infermiera

28 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy