Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 AGOSTO 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Il nuovo codice deontologico e la realtà ovvero infermieri in cerca d’autore

di Luciano Urbani

08 MAG - Gentile Direttore,
fatto e recitato il Codice. Tutto continua come prima.  L’infermiere è sempre senza tempo e la prevenzione delle infezioni è disattesa. “In definitiva, si può dar ragione a Gilbert Keith Chesterton, il fine umorista creatore di Padre Brown, il quale asseriva che la contemporaneità non è, come appare, il mondo nel quale non si crede più a niente, ma, all’inverso, quello in cui si è disposti a credere proprio a tutto...”, dice Giuseppe Goisis, già docente filosofia politica Università Ca’ Foscari – Venezia.
 
Ed ecco nella banalità del quotidiano individuato finalmente il buco nero Ipasvi/ Fnopi, dove da molti anni spariscono nell’orizzonte degli eventi le continue richieste sul quesito deontologico per la prevenzione delle infezioni e i presidi non sterili e da cui non affiora alcuna luce o segnale etico.
 
Eppure, i principi espressi nel Codice Deontologico 2009, come pure di quelli precedenti, e anche nel nuovo Codice Deontologico 2019 sarebbero idonei alla prevenzione, peccato non vengano osservati e promossi proprio dall’Ordine Professionale sia a livello Provinciale che a livello Nazionale (QS del 19 marzo 2017).
 
Ivan Cavicchi ha detto: “la deontologia nella professione infermieristica è morta” (QS del 18 aprile 2019). Ora, se non è morta, certamente non sta proprio bene. Come dimostra il “silenzio sepolcrale” della Presidente Ipasvi/Fnopi Mangiacavalli, evidenza inconfutabile e lampante, sul quesito deontologico all’uso dei presidi non sterili.
 
Sono ormai quattro anni che non risponde. Perché non risponde? È forse impedita? Da chi, da che cosa? E i Collegi/Opi come mai in tutti questi anni non si sono mai “attenzionati” sul problema? E neppure le associazioni o società scientifiche hanno dato segni vitali. Ricordo che la mia prima segnalazione risale al 2007 al Congresso Anipio a Torino.
 
Ma risulta paradossale la dichiarazione del 13 aprile 2019 della Presidente Barbara Mangiacavalli: “Il Codice Deontologico è per gli infermieri e degli infermieri”. Strana cosa, perché alla Leopolda nel 2016 proclamava: “Il Codice Deontologico non è per gli infermieri, ma per il cittadino”.
 
Ora, quale dichiarazione è vera? La prima? La seconda? Sono vere tutte e due? Nessuna è vera? Forse, a sua insaputa, la Presidente Mangiacavalli fa una rivelazione clamorosa, perché il nuovo codice risulta essere una fantastica creazione quantistica, infatti:“il codice è, e contemporaneamente non è, per gli infermieri”.
 
Un Codice inutile, perché l’infermiere non c’è, semplicemente perché nella realtà assistenziale il tempo non c’è, anche se il nuovissimo articolo 4 inutilmente recita “Il tempo di relazione è tempo di cura. Il tempo è l’anima della professione di infermiere, senza tempo l’infermiere non esiste. L’infermiere è perduto fra il paradosso trascendente spazio-tempo etico e l’immanenza della cruda realtà aziendalistica del profitto.
Forse agli infermieri rimane un’ultimo scoglio, dove provare a resistere: la ricerca di un autore.
 
Luciano Urbani
Cittadino, post infermiere, coordinatore Slow nursing

08 maggio 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy