Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 30 SETTEMBRE 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Osteopati. Per esercitare tre anni di studi non dovrebbero bastare

12 FEB - Gentile Direttore,
lo scorso anno ho completato i miei studi in Osteopatia presso l'istituto italiano autorizzato all'insegnamento della materia in partenariato internazionale. Nei miei cinque anni di studi ho appreso il metodo di somministrazione delle manipolazioni per gestire il rischio e ed essere efficace; mi sono dedicato alla ricerca interdisciplinare nel settore della Distrofia muscolare; ho conseguito un titolo di studio legalmente riconosciuto in Francia e abilitante all'esercizio oltralpe. Ritengo che come tutte le altre professioni sanitarie anche l'Osteopatia necessiti di una considerevole esperienza clinica, ma sono convinto che senza le basi culturali e deontologiche nessuna consuetudine possa approdare a risultati confacenti alle aspettative e garantire sicurezza.
 
Sono nove i Paesi europei che hanno riconosciuto l'Osteopatia e disciplinato gli studi in ottemperanza alle indicazioni in materia dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. In nessuno di questi è possibile diventare osteopati dopo un corso di laurea triennale, essendo evidentemente dati di rilevanza tecnica la complessità metodologica e l'abilità manuale necessaria per l'esercizio.
 
In Italia, invece, dove l'Osteopatia è ancora ferma nel suo iter istitutivo, alcune associazione di osteopati sostengono la formazione triennale che non trova al mondo alcuna corrispondenza. Queste, paiono addirittura ignorare quanto definito dalla norma di standardizzazione europea (CEN 16686) da loro stessi sottoscritta. Ancor più paradossale appare questa limitazione delle competenze pedagogiche a fronte dei primi casi di cronaca che descrivono i pericoli delle manipolazioni inappropriate.

 
Penso che anche l'Italia debba seguire la traccia consolidata nel mondo nel prevedere quanto meno una formazione triennale da completarsi con un biennio specialistico interdisciplinare. E lo stesso curriculum formativo dovrebbe essere il riferimento per ogni iscrizione all'Albo professionale.
 
Mattia Albertelli
Osteopata D.O. esclusivo (Associazione ADOE)

12 febbraio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy