Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 27 MAGGIO 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Detassiamo gli stipendi del personale sanitario

17 MAR - Gentile Direttore,
siamo veramente commossi dalla considerazione dei Generali per i soldati che sono al fronte. Siamo in guerra: le milizie composte dai sanitari (tutte le figure professionali) stanno viaggiando quasi disarmati, costretti a lunghi turni senza interruzione per risparmiare sui DPI e come se non bastasse molti rinunciano al “riposo psicofisico” in famiglia, cercando soluzioni che proteggano da un eventuale contagio i propri cari.
 
Le insinuazioni su possibili contagi non lavorativi è rivolto un personale stremato, spesso contagiato e ucciso dal Covid-19, che per le carenze organizzative si ritrova senza protezioni ed è obbligato a scegliere l’isolamento perché ha un forte senso di responsabilità dettato dalla sua scelta professionale.
 
I medici di tutte le specialità si stanno adattando facendo squadra, studiando e imparando tutto ciò che può aiutare a sconfiggere questa calamità, consapevoli dei rischi che corrono. Allo stesso modo gli infermieri, i tecnici, gli OSS, gli ausiliari e tutto il personale sanitario hanno un ruolo importante e sono anelli di una catena che non deve rompersi per nessun motivo, che deve trovare la forza di assistere e curare persone che non possono avere nessuno vicino e a cui si deve negare anche l’ultimo saluto da parte dei familiari.

 
Questo esercito sta cominciando ad avere molte vittime, i rischi sono elevatissimi e trova la forza in nome di quell’ideale che gli ha fatto scegliere questo lavoro, che gli ha fatto sopportare ingiurie, diffamazioni, condanne mediatiche, contratti non rispettati né rinnovati, mortificazioni di tutti i generi.
 
E’ ora di finirla con questi ipocriti ringraziamenti: stiamo rischiando la nostra vita senza batter ciglio, ci stiamo ammalando e le istituzioni cercano altre vittime sacrificali neolaureate o pensionate per sanare i tagli dissennati fatti in questi anni.
 
L’Italia senza di noi sarebbe ormai un lazzaretto degno del romanzo manzoniano e i virus fanno anche vittime illustri, come la storia insegna.
 
Ricominciamo a valorizzare i veri attori del SSN, iniziamo con una detassazione immediata delle retribuzioni e continuiamo, se e quando finirà l’epidemia, con un immediato rinnovo contrattuale adeguato, dando il giusto riconoscimento a chi lo merita.   
 
Giuseppina Fera
Cisl Medici

17 marzo 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy