Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 LUGLIO 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Io Parlamentare guarito dal Covid anche grazie all’ozono terapia

04 MAG - Gentile Direttore
dopo molte settimane e troppe dolorose perdite, l’Italia si apre a quella che viene definita come la ‘fase di convivenza con il virus’. Un virus che ho provato sulla mia pelle, come primo parlamentare contagiato, e che è davvero molto duro da affrontare. Ogni mattina ci si alza con il fiato un po’ più corto, riuscire a respirare a pieni polmoni è sempre più difficile, il senso di spossatezza cresce costantemente.

Ebbene, convivere con il virus significa certamente assumere tutte le doverose precauzioni che abbiamo imparato a conoscere, significa anche proseguire con il distanziamento sociale, implementare lo screening sulla popolazione e intervenire tempestivamente per circoscrivere eventuali nuovi focolai. Ma vuol dire anche mettere in campo tutte le strategie di cura che oggi abbiamo a disposizione. Rilevo con rammarico che questo non sempre avviene.

Mi riferisco, in particolare, a una pratica medica che mi ha aiutato molto nel superare il Covid-19: l’ossigeno ozono terapia. Nelle ultime settimane c’è stato un ampio dibattito sull’utilità di questo percorso terapeutico nella lotta al virus, ma le molti voci che si sono alzate chiedendo il maggiore ricorso alla terapia non hanno ancora trovato risposte concrete da parte dei referenti istituzionali. Così ad oggi sono ancora troppo poche le strutture sanitarie che ricorrono a questa pratica, sempre seguendo i protocolli della SIOOT, la Società Italiana di Ossigeno Ozono Terapia guidata dal professor Marianno Franzini.


Eppure i risultati dell’ultimo report della Sioot, dello scorso 24 aprile, riferito a 73 pazienti trattati con ossigeno ozono terapia sono più che incoraggianti e indicano una tendenza chiara: l’ossigeno ozono terapia è indicata principalmente nei pazienti con i primi sintomi e comunque prima dell’intubazione. E’ dunque lecito prevedere che un intervento a domicilio potrebbe davvero limitare l’insorgere delle complicazioni del virus e contribuire, così, ad alleggerire ancora di più il carico sulle nostre strutture sanitarie.

Ecco perché a brevissimo chiederò di approfondire questo argomento nel dibattito della XII Commissione alla Camera dei Deputati, al fine di inserire nei LEA questa terapia che può offrire all'Italia un'arma in più per sconfiggere un nemico che non vediamo e che, proprio per questo, è ancor più pericoloso.
 
On. Claudio Pedrazzini
Deputato di Cambiamo con Toti

04 maggio 2020
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Il Report Sioot

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy