Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 10 AGOSTO 2020
Liguria
segui quotidianosanita.it

Liguria. Bonus covid, Toti e Viale annunciano l’accordo con i sindacati: “In busta paga premi fino a 2 mila euro”

Intesa sull'ultima tranche di premialità, che varia tra 400 e 1400 euro pro capite, e deriva dalla distribuzione delle risorse del Decreto Rilancio (5 milioni di euro) e dei fondi della Regione (9 milioni). Questa ultima quota si agginge alle risorse del Cura Italia, pari a 6,7 milioni di euro. Complessivamente, chi è in fascia A prenderà fino a 2mila euro in più in busta paga. Toti: “Ai manifesti, dovuti, per ringraziare il personale sanitario sono seguiti i fatti”.

02 LUG - La Regione Liguria annuncia l’accordo raggiunto con le sigle sindacali dei medici e dirigenti sanitari e del comparto sanitario per il riconoscimento di un bonus tra 400 e 1400 euro per circa 16mila lavoratori impegnati nelle aziende sanitarie e ospedaliere per far fronte all’emergenza covid. Si tratta, in particolare, della distribuzione concordata con i sindacati delle risorse sia del Decreto Rilancio per 5 milioni di euro sia dei fondi per 9 milioni di euro messi a disposizione direttamente da Regione Liguria. Tre le fasce premiali individuate in base all'impegno profuso durante l'emergenza e alla gradazione di esposizione al coronavirus.

Il bonus va ad aggiungersi al premio riconosciuto ai sanitari e già ripartito alle aziende, sempre in accordo con i sindacati, con le risorse del decreto Cura Italia per 6,7 milioni di euro. “Complessivamente, chi è in fascia A prenderà fino a 2mila euro in più in busta paga”, spiega la Regione in una nota.

"Abbiamo portato a termine l’impegno che ci eravamo assunti - commenta il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -. Oggi è la dimostrazione che ai manifesti, dovuti, per ringraziare il personale sanitario sono seguiti i fatti. Non si tratta di un mero bonus economico ma di un riconoscimento mai così meritato da una categoria che è stata in prima linea con una capacità, una generosità e un’efficacia oltre l’immaginabile. Lo ha fatto a tutti i livelli, con uno sforzo straordinario: la Liguria è stata tra le regioni più colpite dalla pandemia e se il nostro sistema ha retto all'urto dell’emergenza lo dobbiamo in gran parte all'abnegazione e all'impegno del personale sanitario, che in quei giorni maledetti ha lavorato con turni di 12 ore, senza riposo, senza guardare l’orologio o quale giorni della settimana fosse, anche pagando un prezzo altissimo”.


“Credo - prosegue Toti - che il dialogo con le organizzazioni sindacali, che ringrazio, sia stato anche innovativo per certi punti di vista perché ha guardato oltre all’impegno della categoria anche al merito dei singoli, al rischio che si sono assunti: è un accordo che teniamo a battesimo con grande soddisfazione e con orgoglio. Senza dimenticare che oggi lo sforzo del sistema sanitario è doppio: mentre teniamo il nostro ‘esercito’ acquartierato ma sempre vigile se mai dovesse esserci una seconda ondata, stiamo tornando alla normalità per svolgere le funzioni tradizionali della sanità nel rispondere ai bisogni dei cittadini".


"Sono molto soddisfatta dell'accordo che abbiamo raggiunto - aggiunge la vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale - La Liguria garantisce ai professionisti che hanno lavorato nell'emergenza un riconoscimento importante anche a livello nazionale, complessivamente fino a 2.000 euro, superiore a quello erogato anche da altre regioni, come Lazio ed Emilia Romagna che hanno previsto un bonus massimo di 1.000 euro. Si è reso necessario il tempo per un approfondito confronto con sindacati in modo da esaminare tutte le situazioni e raggiungere un equilibrio per tutti i professionisti coinvolti: nessuno è stato lasciato fuori". 


Le tre fasce premiali sono:


Fascia A: 1.400 euro per: Pronto Soccorso; Malattie Infettive; Terapia Intensiva e Sub intensiva; Reparti adibiti formalmente a COVID; Pneumologia; Laboratori (solo personale dedicato agli esami PCR e sierologici; Radiologia (solo personale adibito alla diagnostica COVID, compreso quello inviato ai posti letto dei pazienti; Medicina del Lavoro (solo personale adibito ad attività COVID); G-SAT; Esecuzione tamponi a domicilio e sul territorio; Emergenza Sanitaria Territoriale – 118 (solo personale adibito al soccorso); personale positivo COVID che ha lavorato in presenza meno del 50% dei giorni totali + personale in infortunio e in quarantena dei reparti fascia B e fascia C, oltre a personale positivo.

Fascia B: 800 euro per: reparti non adibiti formalmente a COVID ma che hanno registrato almeno il 10% di giornate di degenza complessive nei mesi di marzo e aprile per pazienti ricoverati per COVID; Prevenzione; Cure domiciliari pazienti COVID; Servizi territoriali; Logistica; Direzioni Professioni Sanitarie; Direzioni Sanitarie Aziendali;

Fascia C: 400 euro per: Provveditorato; Gestione Risorse Umane; Unità Organizzative deputate alla gestione del debito informativo verso Protezione Civile, Ministero, Regione; Sistemi informatici.

02 luglio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Liguria

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy