Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 19 SETTEMBRE 2019
Lombardia
segui quotidianosanita.it

Lombardia. Beccalossi: “Grazie alla nostra legge spente 8mila slot in un anno”

E' quanto ha evidenziato l'assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo e team leader della Giunta in tema di ludopatia. “La nostra è stata approvata all'unanimità da tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale. Avanti così, quindi, con la consapevolezza che l'impegno sta dando risultati concreti e anche i numeri ci stanno dando ragione”. 

09 NOV - "Nel 2014 in Lombardia le cosiddette 'newslot' sono calate dell'11,2 per cento sul 2013, contro la media nazionale dell'8 per cento: un dato che si traduce in 8.000 macchinette in meno. Anche il numero di esercizi commerciali dotato di slot è passato da 16.004 a 14.700. Sono i primi risultati concreti ottenuti grazie alle nuove norme e alla loro applicazione da parte dei Comuni, che, come è avvenuto a Milano, hanno condiviso lo spirito di questa battaglia contro una vera e propria piaga sociale. Questi dati confermano che la Legge regionale sulla ludopatia è giusta, etica e, soprattutto, funziona". Lo ha detto l'assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo di Regione Lombardia Viviana Beccalossi, team leader della Giunta in tema di ludopatia, che ha partecipato, questa mattina, a Milano, a un incontro per illustrare i progetti 'No slot' del Comune, finanziati grazie al Bando regionale 'Azioni di prevenzione e contrasto al gioco d'azzardo patologico'.

 "Con questo Bando - ha proseguito Viviana Beccalossi - Regione Lombardia ha investito tre milioni di euro per sostenere 68 progetti in tutte le province. Siamo riusciti a creare una rete 'No slot' che vede impegnati oltre 1.400 soggetti pubblici e privati, coinvolgendo 700 Comuni, 293 tra istituti scolastici, parrocchie, associazioni sportive e oltre 250 associazioni del Terzo Settore. E a chi pretestuosamente e da finto ignorante ci ricorda che il numero dei ludopatici in Lombardia è aumentato, rispondo che è vero. Nel senso che fino all'entrata in vigore della nostra Legge questi soggetti venivano quasi ignorati, mentre ora sono riconosciuti come persone affette da una grave patologia e quindi presi in carico dal servizio sanitario".


"Si tratta - ha concluso Beccalossi - del segnale più bello lanciato dalla nostra Legge, che, lo ricordo sempre, è stata approvata all'unanimità da tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale. Avanti così, quindi, con la consapevolezza che l'impegno sta dando risultati concreti e anche i numeri ci stanno dando ragione. Sempre più persone non tollerano più che il gioco d'azzardo sia utilizzato dallo Stato come un bancomat per ripianare i debiti alle spalle della gente".
 

09 novembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lombardia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy