Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 30 NOVEMBRE 2021
Lombardia
segui quotidianosanita.it

Covid. Mattarella: “Quando l’emergenza sarà alle spalle, sarà bene non rimuoverla dal ricordo”  

Il presidente della Repubblica interviene alla cerimonia per l’Aa 2020/2021 dell’Università di Milano ed evidenzia la necessità di tenere saldo il ricordo della pandemia “per comprendere quel che è avvenuto e ricavarne alcuni criteri di comportamento”. Tra questi, la necessità di costruire relazioni, “tra le persone, a livello interpersonale nel nostro Paese, come in ogni parte del mondo”, anche “fra gli Stati”. Poi un grazie alla scienza: “Non saremo mai abbastanza grati per la velocità e l’impegno con cui hanno consegnato all’umanità gli strumenti per sconfiggere la pandemia”. IL DISCORSO

08 GIU - “È bene mantenere alta l’attenzione su quanto è avvenuto” con l’emergenza Covid, “non soltanto perché non siamo ancora riusciti a pervenire al traguardo della sconfitta della pandemia - siamo avviati velocemente sulla buona strada, ma è un traguardo ancora da conseguire - ma soprattutto perché quando l’emergenza sarà alle nostre spalle sarà bene non pensare di rimuoverla dal ricordo, sarà bene tenerla sempre presente per comprendere quel che è avvenuto e per ricavarne alcuni criteri di comportamento”. Queste alcune tra le prime frase pronunciate dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento di oggi alla cerimonia per l’Aa 2020/2021 dell’Università di Milano.

Per Mattarella una delle esperienze che questa drammatica esperienza ci ha consegnato è “la percezione che ognuno ha bisogno degli altri, che ciascuno di noi ha avuto bisogno di tutti gli altri e viceversa gli altri hanno avuto bisogno di noi, di ciascuno di noi. E questo è un criterio che speriamo non venga abbandonato o rimosso dalla memoria e dai comportamenti quando sarà tramontata – fortunatamente - la fase dell’emergenza. Non lo sia a livello di relazioni tra le persone, a livello interpersonale nel nostro Paese, come in ogni parte del mondo. Non lo sia neanche nelle relazioni internazionali fra gli Stati. È un insegnamento che sarà bene coltivare, custodire e mettere a frutto”, ha detto il Presidente.


Il presidente Mattarella ha poi rivolto il suo pensiero al mondo della scienza e della ricerca. “Non saremo mai abbastanza grati al mondo della scienza per la velocità e l’impegno con cui hanno consegnato all’umanità gli strumenti per sconfiggere la pandemia”.

Ed ha concluso con una riflessione sulle università come luogo in cui si formano le persone: “Ci si interroga sempre sul futuro; si progetta sempre il futuro. Non lo potremo mai conoscere. Ma se si forma spirito critico e lo si incentiva, lo si sviluppa, possiamo essere certi che lo costruiremo bene”.
 

08 giugno 2021
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer IL DISCORSO

Altri articoli in QS Lombardia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy