toggle menu
QS Edizioni - lunedì 1 giugno 2020

Scienza e Farmaci - Abruzzo

Coronavirus. Asl Lanciano Vasto Chieti. Attivato numero verde 800860146

immagine 2 marzo - Ma per informazioni ai cittadini sono disponibili anche Web e canali social dove trovare  le notizie più rilevanti e validate con le indicazioni sanitarie per pazienti e operatori, nonché le informazioni di servizio ufficiali diffuse dalle istituzioni competenti. La Asl ribadisce che in caso di sintomi e sospetti, bisogna telefonare al medico curante
La Asl Lanciano Vasto Chieti ha messo a disposizione dei cittadini il numero verde 800860146 attraverso il quale i medici incaricati dall’Azienda rispondono alle richieste di informazioni e danno indicazioni sulle misure per il contenimento del contagio. Il servizio è attivo 24 ore al giorno.
Su www.asl2abruzzo.it sono disponibili informazioni utili per i cittadini e gli operatori, nonché un vademecum e una video guida che chiarisce dubbi e indica le procedure da seguire.
 
Su facebook.com/asl2abruzzo e t.me/asl2abruzzo (Telegram) la Asl pubblica le notizie più rilevanti e validate con le indicazioni sanitarie per pazienti e operatori, nonché le informazioni di servizio ufficiali diffuse dalle istituzioni competenti.
 
Su twitter.com/asl2abruzzo sono disponibili aggiornamenti più frequenti, con l’aggiunta delle notizie e commenti più rilevanti dall’Abruzzo, dall’Italia e dal resto del Mondo. L’account @asl2abruzzo con news aggiornate è anche su Instagram, Linkedin e YouTube.
 
L’Azienda sanitaria locale ribadisce l'invito ai cittadini a non recarsi nei Pronto soccorso degli ospedali, ma a rivolgersi telefonicamente al proprio medico curante in caso di sintomi simili a quelli dell'influenza, febbre, malessere, tosse, raffreddore o tutti insieme. Se si è stati in zone a rischio o a contatto con persone malate, va fatto subito presente. Il medico farà una prima valutazione del caso e solo eventualmente avvierà le procedure necessarie.
Per evitare, infatti, il propagarsi del contagio è fondamentale che il paziente non si rechi da solo (quindi senza alcuna precauzione) nelle sale di attesa e di triage dei Pronto soccorso.
 
2 marzo 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata