toggle menu
QS Edizioni - domenica 18 novembre 2018

Regioni e Asl - Basilicata

Crisi dell’Aias Potenza. La Fials proclama sit in di tutto il personale

immagine 12 giugno - I lavoratori aspetteranno fuori del palazzo della Regione gli esiti dell’incontro in programma il 13 giugno con l’ente per cercare una soluzione in grado di salvaguardare l’attività e quindi i posti di lavoro. Per la Fials “è necessario che la Regione Basilicata avvii un percorso di confronto per garantire le giuste risorse economiche, rilanciando e anche rimodulando le funzioni dell’Aias e riconoscendone la sua attività essenziale”.
Si terrà il 13 giugno, a Potenza, un tavolo tecnico per discutere in merito al “Licenziamento collettivo per riduzione del personale – comunicazione ai sensi dell’art. 24 comma 1 e dell’art.4 c.2 legge 23/07/91 n. 223 e smi”. dei lavoratori dell’Aias di Potenza. E la Fials ci sarà, con tutto il personale dell’Ente, con un sit in nel piazzale antistante il Dipartimento Politiche della Persona della Regione Basilicata.

“Il personale, travolto dalla crisi finanziaria dell’Aias, con conseguente rischio di perdita di posti di lavoro, nonché ancora in attesa di diverse spettanze stipendiali, di indennità e rimborsi chilometrici maturati, seguirà dall’esterno del massimo ente regionale gli esiti del delicato e importante incontro, durante il quale potrebbero decidersi le loro sorti”, spiegano la segretaria regionale Fials Luciana Bellitti, e il segretario provinciale Giuseppe Costanzo.

“Nel corso dei vari incontri succedutisi – continua la sindacalista – non è stato raggiunto alcun accordo a salvaguardia dei posti di lavoro, messi a rischio dalla riduzione dei tetti di spesa negli anni pregressi e delle ore di terapia, comportando, secondo l’Aias, un sovrannumero dei dipendenti con conseguente licenziamento di n. 28 dipendenti”.

“La Fials – spiega la Bellitti – sostiene la sacralità del posto di lavoro continuando la sua battaglia al fianco dei dipendenti Aias e chiedendo alla Regione Basilicata e al Presidente della Regione  di mettere in atto tutte le azioni necessarie per la salvaguardia dei posti di lavoro e del diritto di cura e salute dei disabili e delle loro famiglie. Invitiamo il Presidente della Regione Basilicata e l’Assessore alla Sanità  ad essere presenti all’incontro in modo da avviare un confronto serio e proficuo con la Regione per garantire il futuro dei lavoratori  dell’Aias Onlus di Potenza, una struttura storica d’eccellenza che esiste dal 1970 e che in questi anni ha coltivato e fatto crescere il meglio della cultura riabilitativa di tutta l’Italia meridionale”.

“E’ necessario – conclude -  che la Regione Basilicata avvii un percorso di confronto per garantire le giuste risorse economiche, rilanciando e anche rimodulando le funzioni dell’Aias e riconoscendone la sua attività essenziale nel contesto della comunità lucana a garanzia del diritto e del miglioramento della salute fisica e psichica dei disabili”.
12 giugno 2018
© QS Edizioni - Riproduzione riservata