toggle menu
QS Edizioni - martedì 17 luglio 2018

Regioni e Asl - Basilicata

Basilicata. Sì del Consilgio al Ddl collegato a legge stabilità. Nasce l'Osservatorio sui tempi d'attesa

immagine 29 giugno - Per la sanità inserito un articolo che riconosce la legittimità delle indennità previste dall’accordo integrativo regionale della medicina generale in favore dei medici che operano nel servizio emergenza-urgenza 118. Si mira inoltre ad abbattere le liste d’attesa. Prevista l’istituzione di un Osservatorio regionale per i tempi di attesa.
Il Consiglio regionale della Basilicata ha approvato a maggioranza (11 voti favorevoli, quelli di Pd, Psi, Ri, Pp, voto contrario di Napoli, astenuti Mollica -Udc e Pace -Gm) il disegno di legge “Collegato alla legge di stabilità regionale 2018”.

In materia  sanitaria, si affronta il problema dei tempi delle liste di attesa, prevedendo che le Aziende e gli enti del Servizio sanitario regionale sono tenuti al rispetto dei tempi massimi stabiliti in attuazione dell’intesa della Conferenza Stato Regioni per l’erogazione di prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, armonizzando le prestazioni rese in ambito istituzionale, quelle rese in ambito libero-professionale intramurario nel rispetto delle linee guida regionali, quelle rese dai centri esterni convenzionati e, in ultima istanza, facendo ricorso all’acquisto di servizi sul libero mercato.

Con un emendamento al disegno di legge, approvato dall’Aula su proposta di Piero Lacorazza (Pd), si prevede l’istituzione, presso la direzione generale del Dipartimento Politiche della persona, dell’ “Osservatorio regionale per i tempi di attesa”, che avrà il compito di attuare azioni finalizzate alla riduzione dei tempi di attesa delle prestazioni erogate dal servizio sanitario regionale e azioni innovative in materia di accessibilità.

Sempre in ambito sanitario, è stato inserito un articolo che riconosce la legittimità delle indennità previste dall’accordo integrativo regionale della medicina generale in favore dei medici che operano nel servizio emergenza-urgenza 118.
29 giugno 2018
© QS Edizioni - Riproduzione riservata