toggle menu
QS Edizioni - martedì 19 novembre 2019

Cronache

Onu: “Serve piano d’azione globale per vite sane e benessere per tutti” 

immagine 25 settembre - Forte impegno delle Nazioni Unite durante l'assemblea generale in corso a New York. Tedros Adhanom Ghebreyesus (DG Oms): “Il mondo ha ancora 11 anni per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile. La copertura sanitaria universale è fondamentale per garantire che ciò accada ". E i leader mondiali hanno segnalato la loro disponibilità a fare questa scelta. La dichiarazione arriva subito dopo che Oms e i suoi partner hanno segnalato la necessità di raddoppiare la copertura sanitaria tra oggi e il 2030 o lasciare a 5 miliardi di persone incapaci di accedere all'assistenza sanitaria.
I leader mondiali riuniti nell'Assemblea generale delle Nazioni Unite in corso a New York hanno adottato una Dichiarazione politica delle Nazioni Unite di alto livello sulla copertura sanitaria universale (UHC), la serie più completa di impegni sanitari mai adottata a questo livello.

"Questa dichiarazione rappresenta un punto di riferimento per la salute e lo sviluppo globali", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. “Il mondo ha ancora 11 anni per raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile. La copertura sanitaria universale è fondamentale per garantire che ciò accada ".

 “La copertura sanitaria universale – ha aggiunto - è una scelta politica: i leader mondiali hanno segnalato la loro disponibilità a fare quella scelta. Mi congratulo con loro".

La dichiarazione arriva subito dopo che Oms e i suoi partner hanno segnalato la necessità di raddoppiare la copertura sanitaria tra oggi e il 2030 o lasciare a 5 miliardi di persone incapaci di accedere all'assistenza sanitaria.

Nell'adottare la dichiarazione, gli Stati membri delle Nazioni Unite si sono impegnati ad avanzare verso l'UHC investendo in quattro aree principali intorno all'assistenza sanitaria di base.

Questi includono meccanismi per garantire che nessuno soffra di difficoltà finanziarie perché abbia dovuto pagare di tasca propria l'assistenza sanitaria e implementare interventi sanitari di grande impatto per combattere le malattie e proteggere la salute delle donne e dei bambini.

Inoltre, i paesi devono rafforzare la forza lavoro e le infrastrutture sanitarie e rafforzare la capacità di governance. Su tutto questo riferiranno sui loro progressi all'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2023.

"Ora che il mondo si è impegnato per la salute di tutti, è tempo di dedicarsi al duro lavoro di trasformare questi impegni in risultati", ha affermato Melinda Gates, copresidente della Bill & Melinda Gates Foundation.

“Abbiamo tutti un ruolo da svolgere. I donatori e i governi nazionali devono andare oltre le normali attività commerciali per sostenere i principali sistemi di assistenza sanitaria che soddisfano la stragrande maggioranza delle esigenze delle persone durante la loro vita ", ha affermato Gates.
In questo senso, durante l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, 12 agenzie multilaterali hanno lanciato un piano comune per sostenere meglio i paesi nei prossimi 10 anni per accelerare i progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) relativi alla salute.

Sviluppato in 18 mesi, “Collaborazione più forte, Migliore salute: piano d'azione globale per vite sane e benessere per tutti delinea in che modo una dozzina di agenzie multilaterali per la salute, lo sviluppo e gli aiuti umanitari collaboreranno per essere più efficienti e fornire un supporto più snello ai paesi per offrire risultati universali copertura sanitaria e raggiungere gli obiettivi SDG relativi alla salute.

Le persone sane sono essenziali per lo sviluppo sostenibile e per porre fine alla povertà, promuovendo società pacifiche e inclusive e proteggendo l'ambiente. Negli ultimi decenni, sono stati compiuti significativi progressi in settori chiave della salute, ma gli obiettivi del 2030 non saranno raggiunti senza sforzi raddoppiati.

"Il piano si chiama 'Collaborazione più forte, migliore salute' per una ragione", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Sebbene la collaborazione sia la strada, l'impatto è la destinazione. Il rilascio di questo piano è l'inizio, non la fine, di quel percorso ".

La copertura sanitaria universale è fondamentale per raggiungere gli obiettivi relativi alla salute e affrontare le disuguaglianze sanitarie. Se le tendenze continuano, solo 5 miliardi della popolazione mondiale potranno essere coperti dai servizi sanitari essenziali nel 2030, come evidenziato nel Rapporto sulla salute universale: rapporto di monitoraggio globale, pubblicato la scorsa settimana dall'Oms

Per non lasciare indietro nessuno, i paesi devono affrontare le disuguaglianze sanitarie. Una collaborazione e un coordinamento migliorati possono aiutare i paesi ad affrontare complesse sfide sanitarie e proporre soluzioni innovative.

Insieme, le 12 agenzie contribuiscono per quasi un terzo di tutta l'assistenza allo sviluppo alla salute. Nell'ambito del piano d'azione globale, le agenzie si impegnano a rafforzare la loro collaborazione per:
- Impegnarsi con i paesi per identificare meglio le priorità, pianificare e attuare insieme;
- Accelerare i progressi nei paesi attraverso azioni comuni su 7 temi che rappresentano sfide comuni per molti paesi e in cui i mandati, le competenze e le risorse delle agenzie offrono soluzioni, vale a dire: 1) Assistenza sanitaria di base 2) Finanziamento di salute sostenibile 3) Comunità e società civile impegno 4) Determinanti della salute 5) Programmazione innovativa in contesti fragili e vulnerabili e per le risposte alle epidemie 6) Ricerca e sviluppo, innovazione e accesso e 7) Dati e salute digitale. Lavoreranno anche insieme per promuovere l'uguaglianza di genere e sostenere la consegna di beni pubblici globali;
- Allinearsi armonizzando le loro strategie e politiche operative e finanziarie a sostegno dei paesi per aumentare l'efficienza e ridurre l'onere per i paesi; 
- Agire, esaminando i progressi e imparando insieme per migliorare la responsabilità condivisa.
I governi stanno definendo le priorità, sviluppando piani di attuazione e intensificando gli sforzi per raggiungere gli obiettivi SDG relativi alla salute. La domanda da parte dei paesi per il piano d'azione globale è in crescita. 

Attraverso il piano d'azione globale, le agenzie aiuteranno i paesi a mantenere gli impegni internazionali in aggiunta ai programmi come quelli fatti ad Astana sull'assistenza sanitaria di base e alla riunione di alto livello dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla copertura sanitaria universale di questa settimana a New York .

Coordinato dall'Oms, il Piano d'azione globale per una vita sana e il benessere per tutti , è in risposta a una chiamata arrivata da Germania, Ghana e Norvegia, con il sostegno del Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, per una collaborazione e un coordinamento più efficaci tra le organizzazioni sanitarie globali per raggiungere gli SDG relativi alla salute. Le 12 agenzie firmatarie del piano sono Gavi, The GFF , the Global Fund , UNAIDS , UNDP , UNFPA , UNICEF , UNITAID , UN Women , World Bank Group , WFP and WHO .
25 settembre 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata