toggle menu
QS Edizioni - martedì 25 febbraio 2020

Cronache

Preparati dimagranti con sostanza vietate. Arresto un medico torinese. Coinvolte anche due farmaciste di Pistoia

immagine 14 novembre - L’indagine partita dopo l'ispezione in una farmacia di Pistoia, dove erano state sequestrate centinaia di false ricette contenenti prescrizioni di farmaci vietati per scopi dimagranti, tutte a firma di un medico specializzato in Scienza dell’Alimentazione, con studi medici in Torino e Pistoia. Sulle prescrizioni venivano riportati falsi stati patologici a giustificare le sostenza. Le due farmaciste che allestivano le preparazioni magistrali sarebbero state consapevoli della truffa.
Nella mattinata odierna, a Torino e Pistoia, i Carabinieri del NAS di Firenze hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari e due di obbligo quotidiano di presentazione alla polizia giudiziaria nei confronti rispettivamente di un medico e di due farmaciste.  Le ordinanze arrivano a termine di una indagine avviata nel mese di gennaio 2019, quando nel corso di una verifica ispettiva di una farmacia sita in Pistoia, i militari del Nas avevano sequestrto centinaia di ricette contenenti prescrizioni di farmaci il cui utilizzo è vietato per scopi dimagranti, tutte a firma di un medico torinese specializzato in Scienza dell’Alimentazione – Indirizzo Dietologico e Dietoterapico, con studi medici in Torino e Pistoia.

“Proprio la specifica specializzazione del medico - spiegano i Nas in una nota - induceva i militari a svolgere un approfondimento investigativo, che consentiva di appurare che il professionista, nel periodo 2017/2018, aveva compilato, in favore di pazienti che si erano a lui rivolti per perdere peso, centinaia di ricette contenenti prescrizioni di diverse tipologie di farmaci (preparazioni magistrali in capsule da allestire in farmacia), anche ad azione stupefacente e/o psicotropa, da assumere per via orale in associazione tra loro, il cui utilizzo è vietato per scopi dimagranti, attestando falsamente sulle ricette che i medicinali venivano prescritti per la cura di patologie per i quali erano stati approvati [trattamenti di disturbi depressivi, ansia]”.


Nell’inchiesta sono coinvolte anche la titolare ed una dipendente della farmacia di Pistoia, ubicata a pochi metri dallo studio medico, le quali, riferiscono i Nas, “pur consapevoli che le prescrizioni mediche rilasciate dal medico attestavano falsi stati patologici, allestivano ugualmente le preparazioni magistrali contenenti ansiolitici, antidepressivi e ormoni tiroidei, anche ad azione stupefacente, in favore delle decine di persone che nei giorni in cui il medico esercitava nello studio adiacente, e anche su indicazione dello stesso, si presentavano in farmacia”.
14 novembre 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata