toggle menu
QS Edizioni - martedì 26 maggio 2020

Cronache

Roma. Anche i medici protestano contro le buche e la scarsa illuminazione sulle strade: “Aumentano incidenti e cadute”

immagine 21 gennaio - L’allarme è del presidente dell’Omceo, Antonio Magi, che mette in guardia soprattutto per i rischi per gli anziani, sui quali le conseguenze di una frattura possono essere gravi nella maggior parte dei casi. “Stiamo pensando di attivare un sondaggio nei pronto soccorso della Capitale-per capire quali interventi sono correlati a tale tipo di incidenti e infortuni”.
“Sono aumentati a Roma gli incidenti stradali a causa di una scarsa illuminazione e di marciapiedi sconnessi. A rimetterci sono molti automobilisti, motociclisti e pedoni, alla prese con buche ‘invisibili' e ricoperte spesso anche da fogliame”. A lanciare l'allarme è il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, interpellato oggi dall'agenzia Dire sul tema, a margine del convegno 'Nuovo regolamento regionale sulle autorizzazioni sanitarie. Cosa cambia per medici ed odontoiatri?' promosso dall'Omceo Roma. L'incontro si è svolto nell'aula Roberto Lala.

“Purtroppo in questi ultimi anni, ma non è dovuto solo a quest'ultima amministrazione, le strade di Roma sono diventate sempre più buie- ha detto Magi- perché, anche giustamente, si è voluto risparmiare sull'illuminazione delle strade, preferendo i led alle classiche lampadine. Non solo: alcune aree e quartieri della Capitale sono completamente al buio. E questo è un fatto molto grave, che ha comportato un aumento degli incidenti per pedoni ed automobilisti”.

Magi ha ricordato quindi il tragico incidente a Corso Francia nelle settimane scorse, dove hanno perso la vita due adolescenti: “Chi conosce Roma, sa che quella zona è molto buia, in più quella sera pioveva - ha sottolineato -. Allora, indipendentemente dal fatto che è deprecabile guidare con un tasso alcolemico fuori dai limiti, forse anche qualcuno che non aveva bevuto, proprio a causa della scarsa visibilità, avrebbe potuto investire le due ragazze. Bisogna evitare che, a causa di tali situazioni, possano accadere episodi del genere. Come Ordine dei Medici dobbiamo sempre tutelare la salute dei cittadini".

Una scarsa illuminazione, ha sottolineato ancora Magi, non permette poi di vedere "bene dove si mettono bene: molti marciapiedi sono disconnessi, anche a causa delle radici, e gli alberi vanno spesso a coprire con le fronde l'illuminazione". Questo è ancora "più grave" se si pensa "all'invecchiamento della popolazione: sono sempre di più gli anziani- ha detto il presidente dell'Omceo Roma- che possono cadere e subire danni importanti". Per questo si sta verificando un "maggior numero di infortuni", sottolinea Magi.

Il presidente dell’Omceo Roma ha quindi spiegato che l’Ordine sta valutando di attivare “un sondaggio nei pronto soccorso della Capitale per capire quali interventi sono correlati a tale tipo di incidenti e infortuni". 
21 gennaio 2020
© QS Edizioni - Riproduzione riservata