toggle menu
QS Edizioni - sabato 21 luglio 2018

Regioni e Asl - Emilia Romagna

Prossima carenza veterinari e la Regione investe oltre 655 mila euro

immagine 22 giugno - Per garantire una adeguata copertura, nel Ssr, alle uscite previste nel prossimo decennio è approvata una convenzione con l'Ateneo di Bologna per riaprire la scuola di specializzazione ferma dal 2009. Finanziate 30 borse di studio. Venturi: “Risorse consistenti per un settore importante in un territorio fortemente vocato all'agroalimentare come il nostro, per la sicurezza sanitaria e la salute dei cittadini”.
La Regione guarda avanti, e per soddisfare il bisogno di nuovi veterinari previsto in Emilia-Romagna nei prossimi dieci anni - nell’ambito del servizio sanitario pubblico - rilancia la scuola di specializzazione dell’Università di Bologna che era ferma dal 2009. Mettendo a disposizione più di 655mila euro per finanziare la formazione specialistica triennale in Sanità animale, allevamento e produzioni zootecniche. Sono 30 le borse di studio che saranno garantite, del valore di 7.285 euro annuali ciascuna, rivolte a laureati in Medicina veterinaria per accedere ai ruoli della dirigenza del Servizio Prevenzione collettiva e Sanità pubblica - Igiene degli Alimenti e Sanità pubblica veterinaria.

Lo prevede la proposta di convenzione tra la Regione Emilia-Romagna e l’Università di Bologna approvata dalla Giunta regionale nell’ultima seduta, che riattiva, al Dipartimento di Scienze mediche veterinarie, la scuola di specializzazione dell'area veterinaria, intesa che verrà ratificata dalle parti.

Le risorse stanziate (655.650 euro) saranno suddivise annualmente in 72.850 euro per il primo anno accademico (2018-2019); 145.700 euro nel secondo anno; 218.550 euro nel terzo; 145.700 euro nel quarto e 72.850 euro nel quinto anno.

“Dopo molti anni, già dal 2018 si riavvia, in collaborazione con l’Ateneo di Bologna, la formazione specialistica in ambito veterinario- sottolinea in una nota l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi-. Risorse consistenti, quelle che la Regione ha deciso di investire, con il preciso obiettivo di aumentare il numero di medici veterinari da ammettere ai concorsi e garantire anche nei prossimi anni un adeguato turnover di specialisti. Quello della sanità animale, dell’allevamento e delle produzioni zootecniche- chiude Venturi- è un settore importante in un territorio, come il nostro, fortemente vocato all’agroalimentare, ma lo è al tempo stesso per la sicurezza sanitaria e la salute dei cittadini”.

"La figura del veterinario generalista- aggiunge il rettore dell’Università di Bologna, Francesco Ubertini-, capace di occuparsi di più aspetti della professione, si è evoluta verso un profilo più specializzato che spazia tra la clinica dell’animale da compagnia, la ricerca in campo biotecnologico e farmaceutico, la sicurezza alimentare, la sanità pubblica e le produzioni animali. Anche per questo, oggi si parla di ‘one world one health’, una visione che accomuna medici e medici veterinari in una funzione sociale indiscutibile di tutela della salute dell’uomo. La disponibilità di veterinari specializzati in grado di partecipare a concorsi delle tre aree del Servizio già a partire dal 2021- conclude il rettore-  risponde quindi alla necessità di ricambio generazionale dei veterinari di sanità pubblica della Regione”.

Con l’avvio della scuola e il supporto delle nuove borse di studio, già a partire dall’anno accademico 2018-2019 la Regione potrà garantire nei prossimi anni un maggior numero di veterinari specializzati, in grado di partecipare a concorsi pubblici specifici nell’ambito della sanità pubblica veterinaria nei settori previsti dalla scuola di specializzazione.
22 giugno 2018
© QS Edizioni - Riproduzione riservata