toggle menu
QS Edizioni - lunedì 13 luglio 2020

Mautone (M5S): “Intervento sacrosanto. Anche in CAmpania situazione da Brivido”

immagine 18 giugno - "L'obiettivo di questo provvedimento è fare ordine in una Regione che, a fronte di costi altissimi, non è riuscita a fornire servizi minimi. Il commissariamento non ha funzionato e per ridare ai calabresi una sanità degna di questo nome è dovuto intervenire lo Stato. Da cittadino campano e medico pediatra capisco in pieno il disagio e le difficoltà che ogni calabrese incontra cercando una risposta alla domanda di cura che gli spetterebbe di diritto. Nella mia Campania viviamo tutt’oggi una situazione di commissariamento, ma l’assenza di programmazione e le scelte, spesso sbagliate, del governatore-commissario hanno prodotto una chiusura forzata di diversi ospedali sottraendo posti letto e lasciando diverse aree della Regione scoperte sull’assistenza ospedaliera. Il miglioramento, tanto sbandierato, della qualità delle prestazioni erogate e dei 'conti in ordine' è ancora un miraggio...Finalmente questo governo del Cambiamento va ad intervenire su una situazione critica ormai decennale per apportare dei cambiamenti radicali nella gestione e nella programmazione della sanità della Calabria. Questo, grazie ad alcune norme contenute nel decreto, sarà l’inizio di un percorso di trasparenza e legalità all’interno delle strutture sanitarie non solo calabresi, ma su tutto il territorio nazionale".
 
Così Raffaele Mautone, componente della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama, del Movimento 5 Stelle, intervenendo in Aula sul decreto Calabria. 
18 giugno 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata