toggle menu
QS Edizioni - lunedì 1 marzo 2021

Lavoro e Professioni

Vaccino Covid. Appello Fnomceo a Speranza: “Somministrarlo a tutti i medici e odontoiatri”

immagine 8 gennaio - Anelli al Ministro: “L’obiettivo del contenimento della diffusione del contagio comporta, in tutta coerenza, che l’intera filiera professionale sanitaria sia protetta, che sia assicurata ai medici e agli odontoiatri la vaccinazione contro il virus”. LA LETTERA
“È necessario e urgente, ed è quanto ufficialmente Le chiedo Onorevole Ministro, che sia fatta chiarezza circa l’inserimento nel programma vaccinale SARS-COV-2 di tutti i professionisti medici e odontoiatri, dei diversi ambiti di dipendenza, di convenzionamento ma anche in regime libero professionale”. Ad affermarlo, il Presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici chirurghi e Odontoiatri, Filippo Anelli, che, all’indomani dell’Ok da parte dell’Aifa al vaccino “Moderna”, è tornato a scrivere al Ministro della Salute, Roberto Speranza, per ribadire “l’urgenza di assicurare la copertura vaccinale contro il Covid a tutti i medici e odontoiatri, senza esclusione alcuna”.
 
“L’intera Professione, medica e odontoiatrica, ha impegnato in questa pandemia le risorse a propria disposizione: professionali, di struttura, associative, personali, umane – ricorda Anelli -. L’impegno continua a essere richiesto perché necessario, direi, insostituibile e la risposta dei professionisti non manca”.
 
“L’obiettivo del contenimento della diffusione del contagio comporta, in tutta coerenza, che l’intera filiera professionale sanitaria sia protetta, che sia assicurata ai medici e agli odontoiatri la vaccinazione contro il virus per consentire loro di garantire ai cittadini non solo le opportune prestazioni sanitarie ma anche e soprattutto un esercizio professionale adempiuto in piena sicurezza per tutti – continua il Presidente Fnomceo, rivolgendosi al Ministro -. L’altissimo tributo di vite pagato dalla Professione medica e odontoiatrica, laddove tutti gli ambiti di esercizio sono stati colpiti, impone a tutti noi di non trascurare alcun mezzo per garantire al massimo i nostri professionisti, chiamati in causa ancor più oggi nella somministrazione del vaccino”.
 
Sono 282 i medici e gli odontoiatri che hanno perso la vita per il Covid.
“Quanto vissuto ha dimostrato senza alcun dubbio che il miglior DPI è il vaccino e che solo questo consentirà di operare in sicurezza – conclude Anelli -.  Grande attenzione dovrà, infatti, essere posta per evitare qualsivoglia rischio che potrebbe compromettere l’obiettivo di questa campagna vaccinale di copertura totale del Paese”.
8 gennaio 2021
© QS Edizioni - Riproduzione riservata