toggle menu
QS Edizioni - sabato 25 gennaio 2020

Regioni e Asl - Lazio

Ottaviani (sindaco di Frosinone): “Regione ha maniche larghe per Roma, alle province risorse insufficienti”

immagine 14 novembre - Il sindaco in occasione dell’Assemblea dei sindaci, che ha iniziato l’esame dell’atto aziendale della Asl di Frosinone.“È compito dei sindaci trasmettere le necessità, le esigenze e le criticità del territorio, chiedendo al manager di conciliarle con lo stanziamento delle risorse pubbliche, da parte dell'amministrazione regionale, spesso insufficienti verso le quattro province periferiche ed eccessivamente larghe di maniche nella direzione della Capitale”, afferma Nicola Ottaviani.
L’Assemblea dei sindaci dell’area di Frosinone ha iniziato ieri la valutazione di massima dell’atto aziendale della Asl di Frosinone. "I sindaci sono stati convocati per dare input ed esprimere riflessioni preliminari sull'atto da approvare da qui a qualche settimana, nel rispetto della competenza propositiva del Direttore Generale della Asl, a cui spetta la redazione del documento”, spiega il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, facendo i punto su Facebook.

Per Ottaviani “ci sono urgenze ed emergenze che meritano attenzioni particolari, davanti alle quali i sindaci sono il veicolo della domanda di servizi sanitari qualitativamente e quantitativamente migliori, pur tenendo conto di alcuni livelli di eccellenza, sicuramente invidiabili, per singole specialità ed alta professionalità degli addetti. Molto importante - ha proseguito - il passaggio, nella bozza dell'atto, che sancisce l'equazione, fortemente rivendicata dai nostri territori, tra diritto alla salute e diritto all’ambiente".

“È compito, dunque, dei sindaci - ribadisce il sindaco di Frosinone - trasmettere le necessità, le esigenze e le criticità del territorio, chiedendo al manager di conciliarle con lo stanziamento delle risorse pubbliche, da parte dell'amministrazione regionale,  spesso insufficienti verso le quattro province periferiche ed eccessivamente larghe di maniche nella direzione della Capitale”.

“Razionalizzare - precisa Ottaviani - significa investire laddove è maggiore la domanda di posti letto e di riqualificazione sanitaria, e siamo sicuri che il manager sarà pronto ad accogliere le nostre sollecitazioni".
 
14 novembre 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata