toggle menu
QS Edizioni - sabato 25 gennaio 2020

Regioni e Asl - Lazio

Obesità. La Asl Rm1 scende in campo con un Pdta

immagine 19 novembre - Il percorso mira a garantire ai cittadini la possibilità di una valutazione nutrizionale, aiutare chi ne ha bisogno a cambiare stili di vita e ad assicurare un’assistenza appropriata alla complessità della patologia. In ambito di controllo del peso e benessere, la Asl Rm1 ha recentemente ricevuto il riconoscimento "Bandiera Azzurra", assegnato da Fidal e Anci alle città che offrono la possibilità di praticare la corsa e il cammino in aree e percorsi ad hoc ed eventi dedicati.
La Asl Roma 1 è in prima linea per migliorare la qualità della vita e del ben-essere delle persone, e in occasione del convegno “Salute Sport e inclusione sociale: Contrasto alle non communicable diseases (NCDs)”, svolto negli scorsi giorni, ha presentato l’ultmo passo nei confronti di questa sfida: il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per l’Obesità.

Il PDTA per l’obesità fissa i seguenti obiettivi: garantire la possibilità di una valutazione nutrizionale per la prevenzione dell’obesità e dei fattori di rischio ad essa associati; rendere omogenea nelle strutture della ASL l’assistenza alle persone con obesità; introdurre nel processo terapeutico elementi di facilitazione al cambiamento degli stili di vita e assicurare un’assistenza appropriata alla complessità della patologia. “Il percorso - spiega la Asl in una nota - si articola infatti in tre profili: uno per i soggetti a rischio e in sovrappeso, uno per le persone francamente obese e il terzo per persone con obesità grave”.

Presenti all’iniziativa: il Direttore della ASL Roma 1 Angelo Tanese; Francesco Chiaromonte, Direttore del Coordinamento Rete delle Strutture Diabetologiche ASL Roma 1; Lina delle Monache, Presidente FederDiabete Lazio; Chiara Spinato, Direttore Generale Health Cities Institute; Federico Serra, Direttore OPEN Italy – Obesity Open Policy Engagement. Network.
 
Presente anche il campione olimpico Maurizio Damilano, che ha conferito alla Azienda Sanitaria la Bandiera Azzurra, riconoscimento istituito dalla Fidal (Federazione Italiana di Atletica Leggera) e dall’Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) e assegnato alle città più “runner e walker friendly” in quanto attente al benessere e alla salute dei loro cittadini. Le città Bandiera Azzurra sono infatti quelle che offrono la possibilità di praticare la corsa e il cammino in aree e percorsi ad hoc ed eventi dedicati. "La Asl Roma 1 è la prima azienda sanitaria ad aggiudicarsi questo importante riconoscimento”, riferisce la Asl in nella nota.
19 novembre 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata