toggle menu
QS Edizioni - domenica 17 novembre 2019

Regioni e Asl - Liguria

Liguria. La regione mette in campo un piano Pronto Soccorso per le festività pasquali

immagine 19 aprile - Posti letto aggiuntivi, potenziamento del personale e della guardia medica, l’attivazione di ambulatori specialistici e aperture straordinarie degli Studi medici di Medicina generale, la sospensione delle attività di ricovero elettive e il costante monitoraggio degli accessi nei Pronto Soccorso. Queste alcune delle azioni in campo. Mentre prosegue l’impegno di Regione Liguria per attivare dei Fast Track.
La definizione di unità di crisi, la previsione di posti letto aggiuntivi, il potenziamento del personale e della continuità assistenziale (guardia medica), l’attivazione di ambulatori specialistici e aperture straordinarie degli Studi medici di Medicina generale, la sospensione delle attività di ricovero elettive e il costante monitoraggio degli accessi nei Pronto Soccorso. Sono questi gli elementi di maggior attenzione previsti nel piano elaborato dal Dipartimento Interaziendale regionale dell’Emergenza Urgenza (Diar) in vista delle prossime festività pasquali e ponti di primavera per far fronte a eventuali criticità e situazioni di sovraffollamento nei Pronto Soccorso degli ospedali liguri.

Le Aziende sanitarie hanno condiviso con A.Li.Sa. i propri piani di attività che prevedono azioni “incrementali” in funzione dell’aumento degli accessi nei Pronto Soccorso.

Nel frattempo, come evidenzia la Regione in una nota, continua l’impegno per attivare dei Fast Track, ovvero dei triage che permettano di accogliere il cittadino valutandone il suo bisogno di salute: “Il paziente, qualora presenti un quadro con chiara evidenza mono-specialistica, viene inviato direttamente al medico specialista. In sostanza, i percorsi di Fast Track mirano a prevedere, sulla base di protocolli mirati, la chiusura dell’episodio di Pronto soccorso direttamente ad opera dello specialista con ritorno in Pronto soccorso dei soli pazienti che necessitano di un ulteriore percorso diagnostico – terapeutico”.
19 aprile 2019
© QS Edizioni - Riproduzione riservata